Anestesia

Caricamento


Il termine anestesia deriva dal greco e significa “senza sensibilità”.

L’anestesia può essere Generale somministrando farmaci per via totalmente endovenosa attraverso un sistema infusionale che fa uso di pompe detta TIVA o alogenata che fa uso della somministrazione di gas anestetici per via inalatoria; può essere di tipo Topico, Locale e/o regionale.

L’anestesia Generale, è una disciplina basata sulla somministrazione di farmaci che consentono l’abolizione della coscienza, della sensibilità dolorifica e dal rilassamento della muscolatura (miorisoluzione) durante un intervento chirurgico, rendendo agevoli le manovre dell’operatore.

Si compone di tre fasi: Fase di Induzione, Fase di Mantenimento, Fase di Risveglio/Recupero.

Durante la fase di Induzione, vengono impiegati farmaci per abolire la coscienzacome gli ipnotici, inducendo un sonno artificiale e farmaci che consentono una agevole intubazione endotracheale per mettere in sicurezza le vie aeree del paziente essendo ventilato artificialmente, come i curari o bloccanti neuromuscolari. In questa fase, spesso si fa precedere o seguire, la somministrazione di farmaci analgesici oppioidi per abolire la sensibilità dolorifica.

Durante la fase di Mantenimento, vengono somministrati farmaci per via endovenosa e/o inalatoria per mantenere lo stato di anestesia, attraverso farmaci ipnotici somministrati per via endovenosa o inalatoria, curari o bloccanti neuromuscolari per garantire un adeguato miorilassamento e rendere agevole le manovre chirurgiche intraoperatorie, e analgesici per evitare il dolore chirurgico.

Durante la fase di Risveglio/Recupero, si sospende la somministrazione di farmaci anestetici ipnotici, analgesici e bloccanti neuromuscolari, permettendo al paziente di recupera le funzioni cognitive e motorie grazie alla somministrazione di antagonisti e/o antidoti specifici per i singoli farmaci impiegati.

Essendo i bloccanti neuromuscolari, componenti farmacologici fondamentali per l’anestesia generale sia in fase di Induzione che di Mantenimento, così come gli antagonisti/antidoti nella fase di Risveglio/Recupero, per garantire la sicurezza alla dimissione dal blocco operatorio.

La MSD è impegnata da lunghi anni in ricerca, per lo sviluppo farmaci che fanno parte dell’anestesia generale, nella fattispecie sui bloccanti neuromuscolari aminosteroidei e gli antidoti come il Sugammadex, tale da garantire un rapido recupero dell’attività muscolare e motoria a fine intervento.