ROTAVIRUS



Le Gastroenteriti da Rotavirus sono patologie contagiose dovute all’infezione da alcuni tipi di Rotavirus. In particolare, i tipi di Rotavirus G1, G2, G3, G4 e G9 causano oltre il 90% di infezioni da Rotavirus in Europa1.

L’infezione da Rotavirus è la causa più comune di gastroenterite grave nei bambini e nei neonati2. In Europa il picco di infezioni avviene nei bambini tra i 6 mesi e i 2 anni di età7: praticamente tutti i bambini vengono contagiati dal Rotavirus entro i 5 anni d’età.

Il Rotavirus viene trasmesso principalmente attraverso la via oro-fecale, tramite stretto contatto interpersonale e attraverso il vomito. Il virus potrebbe anche essere trasmesso in altri modi, come tramite cibo e acqua contaminati da feci e goccioline respiratorie. Il periodo con il maggior picco di infezioni nelle aree temperate è l’inverno e la primavera, in coincidenza con altre patologie stagionali quali l’influenza e i virus respiratori, rendendo così più complessa la gestione e maggiore il carico da parte delle strutture sanitarie3.

I sintomi dell’infezione da Rotavirus variano in base alla sua gravità, da infezione asintomatica a grave gastroenterite disidratante. I sintomi normalmente includono vomito, febbre, dolore addominale e diarrea acquosa che possono persistere da 3 a 9 giorni3.

La gastroenterite da Rotavirus varia da una lieve diarrea acquosa di durata limitata ad una grave diarrea con vomito e febbre.

La gastroenterite acuta da Rotavirus è una causa significativa di morbidità e mortalità nei paesi in vai di sviluppo: si stima che in Africa, Asia e America Latina avvengano ogni anno dai 744 milioni a 1 miliardo di casi di diarrea acuta, risultanti in 2,4 – 3,3 milioni di morti nei bambini sotto i 5 anni4.

Nei paesi sviluppati, il tasso di mortalità è significativamente più basso, tuttavia il Rotavirus continua ad essere una importante causa di morbidità4. Nell’Unione Europea, si stimano ogni anni 3,6 milioni di episodi di Gastroenteriti da Rotavirus di grado elevato (RVGE), da cui derivano circa 231 decessi, più di 87.000 ospedalizzazioni e almeno 700.000 visite ambulatoriali. Si stima che il Rotavirus sia responsabile del 39% delle ospedalizzazioni totali per diarrea e dal 25,3% al 63,5% delle GE acquisite in comunità, nei bambini al di sotto dei 5 anni5,6.



Bibliografia

  • Iturriza-Gomara M. EuroRotaNet Annual Report 2014 www.eurorota.net 2014; 1-23
  • Parashar UD,Gibson CJ,Bresse JS,Glass RI. Rotavirus and severe childhood diarrhea. Emerg Infect Dis 2006; 12:304–6
  • Gleizes O. et al, Nosocomial Rotavirus Infection in European Countries, Pediatric Infectious Disease Journal Jan 2006; 25; 1
  • Santos N. et al, Global distribution of rotavirus serotypes/genotypes and its implication for the development and implementation of an effective rotavirus vaccine. Rev. Med. Virol. 2005; 15: 29–56
  • C. J. Williams, A. Lobanov, and R.G. Pebody, “Estimated mortality and hospital admission due to rotavirus infection in the WHO European region,” Epidemiology and Infection, vol.137, no. 5, pp. 607–616, 2009.
  • P.VanDamme, et al “Multicenter prospective study of the burden of rotavirus acute gastroenteritis in Europe, 2004-2005: the REVEAL study,” Journal of InfectiousDiseases, vol. 195,supplement 1, pp. S4–S16, 2007
  • EuroRotaNet: Annual Report 2015 2015; 1-23
IT-NON-00472-W-05/2023