cookies
 
Imagen News

Bugiardi con il sorriso

15-02-2019
A cura di: Argon Media srl
 
 
Pinocchio non aveva solo il naso lungo. Sicuramente sfoggiava anche un sorrisetto un po’ di traverso ogni volta che diceva una bugia. Perché quando mentiamo non possiamo fare a meno di strizzare gli occhi formando delle piccole rughe, contraendo allo stesso tempo i muscoli degli zigomi. E’ il cosiddetto ‘sorriso di Duchenne’, un sorrisetto involontario legato a quel sottile ed inconscio piacere che ci provoca l’essere in grado di manipolare qualcuno. Si chiama ‘ delizia dell’inganno’ e ci costringe ad accennare un sorriso che non possiamo controllare e che il più delle volte sfoggiamo in un momento inappropriato.

A questa conclusione sono giunti i ricercatori dell’Università di Rochester a New York che hanno studiato un data base di video (oltre un milione di spezzoni di espressioni facciali) nei quali 151 coppie di persone giocavano ad intervistarsi. Domande e risposte erano stabilite, alcuni dovevano dire la verità, altri una bugia.

«Fondamentalmente abbiamo riscontrato 5 tipi di facce e di sorrisi nelle persone che rispondevano alle domande ma quello che più frequentemente abbiamo visto associato alla menzogna è il cosiddetto sorriso di Duchenne. E questo conferma che quando stai ingannando qualcuno tendi a divertirti. Al contrario, chi dice la verità spesso contrae gli occhi ma non sorride affatto con la bocca» dice Tay Sen, un dottorato nel laboratorio di Ehsan Hoque professore di informatica.

Fonte: Using data science to tell which of these people is lying

 

 

 
Per visualizzare tutte le notizie di MSD Salute, accedi con le tue credenziali o registrati gratuitamente.