cookies
 
Imagen News

Cuore: le uova tornano sul banco degli imputati

20-03-2019
Reuters Health News
 
 
(Reuters Health) – Dopo una serie di studi che hanno rassicurato i consumatori sul consumo di uova, un nuovo rapporto associa l’aumento del rischio di malattie cardiache al crescente consumo di questo alimento.

Il lavoro, che combina i dati di sei studi precedenti, ha rilevato un aumento del 6% del rischio di malattia cardiovascolare quando il numero medio di uova consumate al giorno aumenta di mezzo uovo.

“Chi introita alti livelli di colesterolo ha un rischio aumentato di sviluppare malattie cardiache e ha una probabilità di mortalità più alta negli anni successivi, sottoliena Norrina Allen, professore associato di medicina preventiva presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University di Chicago e coautrice dello studio.

“Non dico che le persone devono eliminare completamente le uova dalla loro dieta – chiarisce – Sto solo suggerendo di mangiarle con moderazione. La quantità di colesterolo che si consuma non è collegata in modo semplice con la quantità trovata nel sangue. Questo dipende da molti fattori tra cui la predisposizione genetica e il modo in cui si metabolizza il colesterolo”.

Lo studio

Il team di Allen ha analizzato i dati raccolti da sei studi, che hanno coinvolto un totale di 29.615 persone seguite per una media di 17,5 anni.

All’inizio, i partecipanti hanno compilato questionari descrivendo la dieta che seguivano. Poi non è stato chiesto più nulla a riguardo.

Nel corso del tempo ci sono stati 5.400 esiti avversi (fatali e non) correlati al sistema cardiovascolare, tra cui 2.088 eventi cardiaci, 1.302 ictus, 1.897 insufficienze cardiache e 113 altri decessi per malattie cardiovascolari.

Quando hanno analizzato i dati, i ricercatori hanno trovato un’associazione tra il consumo di uova, come riportato all’inizio dello studio, e il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari dei partecipanti. Quando il loro consumo di uova è aumentato, è cresciuto anche il rischio.

L’associazione si è indebolita al punto da non essere più statisticamente significativa quando i ricercatori hanno tenuto conto del consumo totale di colesterolo.

“Questo significa che l’associazione tra uova e malattie cardiache è spiegata dal colesterolo contenuto nelle uova”, osserva Allen.

I commenti

Altri esperti non sono del tutto convinti che lo studio dimostri che le uova causano malattie cardiache.

“Il ruolo del colesterolo nello sviluppo delle malattie cardiache è stato discusso per oltre tre decenni – ha affermato Dennis Bruemmer, cardiologo dell’Heart and Vascular Institute e professore associato di medicina presso il Medical Center dell’Università di Pittsburgh – Anche il particolare contributo del colesterolo derivato dalle uova è stato studiato in diversi lavori, con risultati variabili e discrepanti. Questo studio ha dei limiti evidenti, tra cui l’auto-segnalazione in un singolo punto temporale, che ne limita la validità”.

Se è vero che le uova contengono un bel po ‘di colesterolo – circa 200 mg, la quantità massima giornaliera raccomandata nelle linee guida attuali – “mangiarle con moderazione è probabilmente accettabile dal punto di vista nutrizionale – ribadisce Bruemmer – Moderazione significa meno di un uovo al giorno in media, comprese le uova che si trovano negli alimenti come il pane”.

Fonte: JAMA 2019


IT-NON-00121-W-03/2021

 
Per visualizzare tutte le notizie di MSD Salute, accedi con le tue credenziali o registrati gratuitamente.