cookies

17-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Associazione fra assunzione di bevande e sintomi da reflusso

Ai pazienti con reflusso gastroesofageo si consiglia spesso di eliminate caffè, thè ed acqua gassata per ridurre i sintomi da reflusso gastroesofageo come bruciore precordiale e rigurgito, ma non sono disponibili dati da studi prospettici a supporto di queste raccomandazioni.

E’ stata condotta un’indagine sul database del Nurses Health Study, nella quale nel corso di 262.641 person-years sono state identificate 7.961 donne che hanno riportato sintomi da reflusso almeno una volta alla settimana.

A seguito dell’approssimazione per molteplici variabili, il tasso di rischio delle donne con il maggior grado di assunzione di queste bevande (più di 6 al giorno) rispetto a quello delle donne che non ne assumevano era pari ad 1,34 per il caffè, 1,26 per il thè ed 1,29 per l’acqua gassata.

Sono stati ottenuti risultati simili stratificando le pazienti in base allo status relativo alla caffeina. Non è stata riscontrata invece alcuna associazione fra rischio di reflusso ed assunzione di latte, acqua o succo di frutta.

La sostituzione di 2 caffè, thè o bicchieri di acqua gassata al giorno con acqua semplice è risultata associata alla riduzione del rischio di sintomi da reflusso. La presente analisi dunque ha dimostrato che l’assunzione di caffè, thè o acqua gassata risulta associata ad un incremento del rischio di sintomi da reflusso, mentre il consumo di acqua semplice, succo di frutta o latte non è associato a questi sintomi, e bere acqua al posto di caffè, thè o acqua gassata riduce il rischio di sintomi da reflusso. 

Fonte: Clin Gastroenterol Hepatol online 2019

 
Per visualizzare tutte le notizie di MSD Salute, accedi con le tue credenziali o registrati gratuitamente.