cookies

25-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Diabete: telemedicina aiuta pazienti rurali nel controllo glicemico

Gli adulti con diabete di tipo 2 scarsamente controllato che vivono in aree rurali vanno incontro ad un miglioramento dei propri livelli glicemici a seguito della partecipazione ad un programma esaustivo basato sulla telemedicina.

Questo intervento, noto come ACDC, sfrutta le infrastrutture della VHA con modifiche per farne uso nelle aree rurali.

E’ stata dimostrata la sua capacità di ridurre l’HbA1c in un precedente studio randomizzato.

Rispetto alle loro controparti diabetiche urbane, le popolazioni rurali hanno maggiori probabilità di andare incontro ad uno scarso controllo glicemico, minori probabilità di ricevere l’assistenza diabetica raccomandata e maggiori probabilità di mancare dell’accesso ad assistenza specialistica ed a programmi di autogestione intensiva, come affermato da Elizabeth Kobe della Duke University di Durham, autrice di uno studio condotto su 125 pazienti.

Tutti questi elementi perpetrano scarsi esiti del diabete nelle aree rurali, in cui la telemedicina potrebbe rivelarsi particolarmente utile. Il programma ACDC consiste in telemonitoraggio, supporto autogestionale e gestione farmacologica guidata dal medico.

Nonostante i drastici cambiamenti che il CoVid-19 ha costretto ad adottare da parte dei sistemi sanitari, il sistema ACDC è rimasto intatto, ed ha prodotto una differenza sostanziale per i pazienti rurali diabetici, guadagnando un’ottima posizione per un’ulteriore diffusione. 

Fonte: American Diabetes Association (ADA) 2020 

IT-NON-02483-W-06/2022

 
Per visualizzare tutte le notizie di MSD Salute, accedi con le tue credenziali o registrati gratuitamente.