cookies

16-07-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Rischio genetico di demenza: il vivere sano può compensarlo

(Reuters Health) – Secondo una recente ricerca pubblicata da Jama, vivere in maniera sana, con una buona alimentazione e un regolare esercizio fisico, può aiutare le persone con una suscettibilità genetica elevata alla demenza a controbilanciare il rischio di svilupparla.

Il rischio di demenza si è ridotto del 32% nelle persone con un elevato rischio genetico se seguivano uno stile di vita sano rispetto a quelle con uno stile di vita malsano. I soggetti con un alto rischio genetico e uno stile di vita non sano presentavano quasi il triplo delle probabilità di sviluppare demenza rispetto a quelli con uno scarso rischio genetico e uno stile di vita sano.

"I nostri risultati sono entusiasmanti perché mostrano che possiamo agire per cercare di compensare il rischio genetico di demenza”, ha dichiarato Elzbieta Kuzma, ricercatrice presso l’Università di Exeter in Inghilterra che ha co-condotto lo studio.


Lo studio
Un team di ricercatori dell’Università di Exter, in Inghilterra- guidato da Elzbieta Kuzma- ha analizzato i dati relativi a quasi 197.000 adulti di origine europea che avevano minimo 60 anni. Ne sono emersi 1.769 casi di demenza durante un periodo di follow-up di otto anni. 

Questi casi sono stati classificati a seconda del rischio di demenza: alto, medio e basso.

Per valutare lo stile di vita, i ricercatori hanno analizzato l’alimentazione, l’attività fisica, il fumo e il consumo di alcool segnalati dai partecipanti.

I non fumatori che facevano regolarmente attività fisica e seguivano una buona alimentazione con un consumo moderato di alcool erano considerati quelli con lo stile di vita più sano e presentavano un rischio ridotto, a prescindere che fossero nel gruppo ad alto, medio o basso rischio genetico.

David Llewellyn, anch’egli dell’Università di Exeter, ha affermato che i risultati portano con sé un importante messaggio che riconsidera ciò che ha descritto come una “visione fatalista della demenza”. "Alcune persone credono sia inevitabile che sviluppino demenza a causa della loro genetica”, ha aggiunto. “Tuttavia, si potrebbe ridurre notevolmente il rischio di demenza seguendo uno stile di vita sano”.

Fonte: Jama 2019

 

Le ultime notizie

12-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Vitamina D, controllo asmatico e funzionalità polmonare

La correlazione fra vitamina D ed asma è attualmente oggetto di indagine. E' stato dunque condotto uno studio allo scopo di valutare l’associazione fra livelli sierici di vitamina D e caratteristiche cliniche dell’asma

By Popular Science

12-12-2019

Attacchi asmatici prenatali aumentano complicazioni in madri e bambini

Gli attacchi asmatici durante la gravidanza possono incrementare il rischio di complicazioni sia per la madre che per il bambino. Lo suggerisce uno studio condotto su circa 100.000 gravidanze.

By Popular Science

11-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Carcinoma cutaneo: brachiterapia ad alto dosaggio soluzione efficace

Secondo uno studio condotto negli USA, la brachiterapia ad alto dosaggio (Hdrbt) è una buona alternativa alla chirurgia di Mohs o alla radioterapia convenzionale per gli anziani con carcinoma cutaneo non melanoma della testa e del collo.

By Reuters Health News

11-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lo spazzolino da denti, un’arma in più contro la fibrillazione atriale

Le persone che si lavano i denti tre volte al giorno hanno meno probabilità di sviluppare fibrillazione atriale o insufficienza cardiaca rispetto a quelle con abitudini di igiene orale meno costanti. È quanto emerge da uno studio coreano pubblicato dall’European Journal of Preventive Cardiology.

By Reuters Health News

11-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori mammari: tinture per capelli connesse a rischio elevato

Secondo un recente studio, l'uso di tinture permanenti per capelli o di sostanze chimiche per il rinforzo del capello è associato ad un incremento del rischio di tumore mammario.

By Popular Science