cookies
Colesterolo

17-07-2019

Cuore: LDL elevato e ipertensione prima dei 40 anni aumentano rischi

(Reuters Health) - I ricercatori del Columbia University Medical Center hanno raccolto i dati dei partecipanti a sei studi diversi per verificare quanti di loro avessero subito infarti, ictus o fossero affetti da insufficienza cardiaca. I partecipanti totali erano 36.030; al momento del primo esame di persona l’età media fra i partecipanti era di 53 anni. La metà è stata monitorata per almeno 17 anni. 

I soggetti con livelli elevati di colesterolo LDL - ossia più di 129 mg/dL di sangue - prima dei 40 anni avevano subito più eventi cardiaci, con una probabilità maggiore del 64%, rispetto a coloro che invece avevano bassi livelli di LDL alla stessa età. 

Inoltre, i giovani adulti con una pressione sistolica elevata, presentavano il 37% di probabilità in più di sviluppare un insufficienza cardiaca negli anni successivi, mentre quelli con una pressione arteriosa diastolica elevata il 21% in più. Il limite superiore della pressione sanguigna normale è 120/80.

Tra i partecipanti presi in considerazione nello studio, i giovani adulti con pressione alta o colesterolo elevato erano pochissimi. Durante il follow-up, 4.570 partecipanti hanno subito eventi cardiaci come un attacco di cuore, 5.119 hanno sofferto di insufficienza cardiaca e 2.862 hanno avuto un ictus.

Le conclusioni
Lo studio non spiega se o come l'ipertensione o il colesterolo elevato nella prima età adulta possano causare direttamente infarti, ictus o insufficienza cardiaca che si sviluppano in età più avanzata. Inoltre, un limite di questo studio è che, poiché nelle sei ricerche usate come punto di partenza dell’analisi, non erano state effettuate misurazioni della pressione arteriosa o dei tassi di colesterolo nel corso della vita, in alcuni casi i ricercatori hanno fatto una stima del numero di giovani che presentavano tali fattori di rischio in base ai dati di cui disponevano sui partecipanti in età avanzata.

“L'insufficienza cardiaca e gli attacchi di cuore sono il risultato di anni di esposizione a fattori di rischio come l'ipertensione e il colesterolo”, commenta Samuel Gidding, co-autore di un editoriale che accompagna lo studio e direttore medico della FH (Familial Hypercholesterolemia) Foundation a Pasadena, California. “Entrambi causano l'accumulo di grasso nelle arterie coronarie sin dall’infanzia, cosa che porta all’infarto più tardi nella vita”. Inoltre l’ipertensione determina uno sforzo ulteriore del cuore e l’adattamento a questo stress provoca scompenso cardiaco. 


Fonte: Journal dell'American College of Cardiology

IT-NON-00686-W-07/2021

 

Le ultime notizie

12-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Vitamina D, controllo asmatico e funzionalità polmonare

La correlazione fra vitamina D ed asma è attualmente oggetto di indagine. E' stato dunque condotto uno studio allo scopo di valutare l’associazione fra livelli sierici di vitamina D e caratteristiche cliniche dell’asma

By Popular Science

12-12-2019

Attacchi asmatici prenatali aumentano complicazioni in madri e bambini

Gli attacchi asmatici durante la gravidanza possono incrementare il rischio di complicazioni sia per la madre che per il bambino. Lo suggerisce uno studio condotto su circa 100.000 gravidanze.

By Popular Science

11-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Carcinoma cutaneo: brachiterapia ad alto dosaggio soluzione efficace

Secondo uno studio condotto negli USA, la brachiterapia ad alto dosaggio (Hdrbt) è una buona alternativa alla chirurgia di Mohs o alla radioterapia convenzionale per gli anziani con carcinoma cutaneo non melanoma della testa e del collo.

By Reuters Health News

11-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lo spazzolino da denti, un’arma in più contro la fibrillazione atriale

Le persone che si lavano i denti tre volte al giorno hanno meno probabilità di sviluppare fibrillazione atriale o insufficienza cardiaca rispetto a quelle con abitudini di igiene orale meno costanti. È quanto emerge da uno studio coreano pubblicato dall’European Journal of Preventive Cardiology.

By Reuters Health News

11-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori mammari: tinture per capelli connesse a rischio elevato

Secondo un recente studio, l'uso di tinture permanenti per capelli o di sostanze chimiche per il rinforzo del capello è associato ad un incremento del rischio di tumore mammario.

By Popular Science