cookies

01-08-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cancro prostata: per diagnosi meglio MRI che biopsie sistematiche

(Reuters Health) – Una revisione Cochrane mette in evidenza come la risonanza magnetica (MRI) sia migliore delle biopsie sistematiche per diagnosticare il cancro alla prostata.

“I risultati di questa metanalisi cambieranno la pratica clinica”, dice Ivo Schoots dell’Erasmus University Medical Center Rotterdam, coautore della metanalisi. “Sulla base dei dati della revisione Cochrane, l’Associazione europea di urologia ha deciso di cambiare le sue raccomandazioni sul cancro alla prostata a marzo 2019”.
"Anche il comitato direttivo internazionale congiunto del PI-RADS sulla MRI della prostata supporta fortemente questa strategia”, continua Schoots.“Le linee guida del NICE britannico sul cancro alla prostata sono state recentemente modificate in favore di una strategia che prevede l’anticipazione della MRI nel check-up diagnostico”.

La revisione
Per la revisione, pubblicata dalla Cochrane Library ad aprile e online su European Urology il 17 luglio, Schoots e colleghi hanno ricercato in letteratura studi su uno o più test confrontati con lo standard di riferimento (biopsia guidata) e poi valutandoli tramite MRI e la biopsia sistematica. Complessivamente sono stati considerati 43 studi.

Usando una prevalenza di cancro pari, al basale, al 30%, il team dello studio ha riscontrato che con la MRI (sulla base di otto studi sensibilità 0,72; specificità 0,96) potrebbero emergere 216 veri positivi, 28 falsi positivi, 672 veri negativi e 84 falsi negativi ogni 1.000 uomini.

Al contrario, la biopsia sistematica (sulla base di quattro studi sensibilità 0,63; specificità 1,00) potrebbe produrre 189 vero positivi, zero falsi positivi, 700 veri negativi e 111 falsi negativi ogni 1.000 uomini.

I confronti tra MRI e biopsia sistematica per il rilevamento di una patologia significativa hanno prodotto tassi di rilevamento aggregati di 1,05 (20 studi) in uomini naive alla biopsia e di 1,44 (10 studi) in soggetti con una precedente biopsia negativa. 

“Raccomandare una MRI anticipata in tutti gli uomini in cui si sospetta un cancro alla prostata è giustificato”, conclude Schots “Tuttavia, la MRI non è inconfutabile e laddove esista un’elevata probabilità di un cancro alla prostata clinicamente significativo, le biopsie sistematiche dovrebbero rimanere un’opzione molto concreta anche in uomini con MRI negative.

Fonte: Cochrane Library e  European Urology

IT-NON-00771-W-08/2021

 

Le ultime notizie

03-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Salute renale: dialogo difficile tra paziente e medico

Uno studio dell'Università di Sydney ha rilevato come i pazienti con patologie renali abbiano difficoltà, nel dialogo con il medico, a comprendere molti termini legati alla loro condizione. La comunicazione inefficace può provocare profondi traumi, disperazione e frustrazione.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: disfunzioni cognitive e gravità malattia

Le disfunzioni cognitive si associano a dermatite atopica grave e possono essere un importante endopoint da considerare nel monitorare la risposta ai trattamenti. A evidenziarlo è una ricerca pubblicata sul Journal of American Academy of Dermatology da un team di scienziati della George Washington University di Washington, negli USA.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Diabete tipo 2 e insufficienza cardiaca

I pazienti con diabete di tipo 2 incidente che sviluppano anche insufficienza cardiaca vanno incontro ad un rischio di mortalità drammaticamente elevato, maggiore rispetto al rischio incrementale derivante da qualunque altra comorbidità cardiovascolare o renale che possa intervenire dopo l’insorgenza del diabete. E' quanto emerge da un’analisi condotta su oltre 150.000 pazienti danesi.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuove definizioni di ipertensione rivelano nuovi rischi di preeclampsia

Con le linee guida del 2017, ACC ed AHA hanno modificato le definizioni di ipertensione negli adulti. Usando la nuova definizione di ipertensione, le donne in gravidanza con rialzi anche modesti della pressione presentano un incremento del rischio di preeclampsia

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

I batteri dei tumori potrebbero influenzare la risposta alle terapie

Un gruppo di ricercatori israeliani ha analizzato il microbioma di sette tipi di tumore diversi, rilevando oltre 9.000 specie batteriche tra i tumori e il tessuto normale adiacente ad essi. Alcuni, come il cancro al seno, presentano una flora più abbondante e varia di altri, e questo potrebbe avere un impatto sulla risposta alle terapie

By Popular Science