cookies
Hypertension

02-08-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Rischio cardiovascolare: contributo di pressione diastolica e sistolica

Sia l’ipertensione diastolica che quella sistolica sono significativi fattori contribuenti al rischio cardiovascolare, a prescindere dalla soglia impiegata per la definizione di ipertensione.

Per lungo tempo è persistita la controversia sul possibile ruolo contribuente di pressione sistolica, diastolica o di entrambe, ma una recente analisi condotta su più di 1,3 milioni di persone, ha dimostrato in modo convincente che entrambe sono importanti, e che nei soggetti altrimenti sani, la pressione dovrebbe essere mantenuta più bassa possibile, come affermato dall’autore Deepak Bhatt del Brigham and Women’s Hospital di Boston.

I dati dello studio supportano i risultati dello studio SPRINT, e sono in linea con le ultime raccomandazioni delle linee guida AHA/ACC. Secondo quanto riscontrato, l’ipertensione sistolica ha un effetto maggiore nei soggetti con pressione diastolica bassa, ma ciò potrebbe avere una maggiore importanza nei pazienti con coronaropatie attive o in quelli con patologie che implicano anomalie microcircolatorie d’organo terminali.

Il presente studio, d’altro canto, è stato condotto su pazienti relativamente sani, ed altre indagini in pazienti coronaropatici hanno suggerito che una pressione diastolica inferiore a 70 mmHg potrebbe essere associata ad esiti cardiovascolari negativi.

La gestione della pressione rimane comunque un argomento molto complesso, e potrebbe darsi che nei soggetti anziani con arteriosclerosi una pressione sistolica elevata ed una pressione sistolica bassa determinino un incremento del rischio per via della rigidità delle arterie, oppure per via della pressione differenziale marcata, o anche per via del fatto che la pressione sistolica elevata è difficile da trattare senza causare effetti collaterali, specialmente a carico della pressione diastolica.

In definitiva, la maggior parte del rischio osservato nei pazienti con elevata pressione differenziale si deve alla pressione sistolica elevata, e lo studio SPRINT aveva suggerito che la protezione ottenuta con bassi valori di pressione sistolica permaneva anche quando la pressione diastolica era bassa.

Fonte: N Engl J Med online 2019

IT-NON-00772-W-08/2021
 

Le ultime notizie

03-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Salute renale: dialogo difficile tra paziente e medico

Uno studio dell'Università di Sydney ha rilevato come i pazienti con patologie renali abbiano difficoltà, nel dialogo con il medico, a comprendere molti termini legati alla loro condizione. La comunicazione inefficace può provocare profondi traumi, disperazione e frustrazione.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: disfunzioni cognitive e gravità malattia

Le disfunzioni cognitive si associano a dermatite atopica grave e possono essere un importante endopoint da considerare nel monitorare la risposta ai trattamenti. A evidenziarlo è una ricerca pubblicata sul Journal of American Academy of Dermatology da un team di scienziati della George Washington University di Washington, negli USA.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Diabete tipo 2 e insufficienza cardiaca

I pazienti con diabete di tipo 2 incidente che sviluppano anche insufficienza cardiaca vanno incontro ad un rischio di mortalità drammaticamente elevato, maggiore rispetto al rischio incrementale derivante da qualunque altra comorbidità cardiovascolare o renale che possa intervenire dopo l’insorgenza del diabete. E' quanto emerge da un’analisi condotta su oltre 150.000 pazienti danesi.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuove definizioni di ipertensione rivelano nuovi rischi di preeclampsia

Con le linee guida del 2017, ACC ed AHA hanno modificato le definizioni di ipertensione negli adulti. Usando la nuova definizione di ipertensione, le donne in gravidanza con rialzi anche modesti della pressione presentano un incremento del rischio di preeclampsia

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

I batteri dei tumori potrebbero influenzare la risposta alle terapie

Un gruppo di ricercatori israeliani ha analizzato il microbioma di sette tipi di tumore diversi, rilevando oltre 9.000 specie batteriche tra i tumori e il tessuto normale adiacente ad essi. Alcuni, come il cancro al seno, presentano una flora più abbondante e varia di altri, e questo potrebbe avere un impatto sulla risposta alle terapie

By Popular Science