cookies

10-09-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Menopausa con diabete connessa a gravi problemi di sonno

Le donne con diabete di tipo 2 potrebbero avere problemi di sonno più frequenti e più gravi durante la menopausa rispetto alle loro controparti non diabetiche. 

Come affermato da Eun-Ok Im della Duke University School of Nursing di Durham, autrice di uno studio condotto su 164 donne, i sintomi correlati al sonno sono fra i più spesso riportati nelle donne di mezza età in corso di transizione menopausale in tutti i gruppi etnici.

Circa la metà delle donne in menopausa con diabete di tipo 2, riporta sintomi correlati al sonno, mentre ciò accade in un quarto delle donne non diabetiche. Sudorazioni notturne, vampate di calore e minzioni frequenti associate alla menopausa possono indurre le donne a svegliarsi diverse volte durante la notte, ed i sintomi come la pollachiuria possono essere correlati al diabete.

Sinora sono stati effettuati pochi studi sull’associazione fra sintomi correlati al sonno e diabete considerando anche lo status menopausale e le diversità etniche, ma la presente indagine potrebbe indicare una direzione per le ricerche future o la pratica clinica.

I ricercatori stanno iniziando ad esaminare gli effetti di un programma di attività fisica su base tecnologica sui sintomi correlati al sonno nelle donne in menopausa, ed il prossimo passo consisterà nell’implementare un programma d’esercizio per le donne diabetiche di mezza età.

L’attività fisica regolare potrebbe aiutare a mitigare la tendenza all’aumento di peso e contrastare i cambiamenti nella composizione corporea e nella distribuzione del grasso che accompagnano l’invecchiamento e la transizione menopausale.

Prima dei 60 anni, il diabete è meno comune nelle donne che negli uomini, ma fra i 60 ed i 70 anni il rischio di diabete nelle donne aumenta, il che potrebbe suggerire che i cambiamenti ormonali associati alla menopausa potrebbero essere associati al rischio di diabete nelle donne in postmenopausa.

Sono necessarie ulteriori indagini per accertare se interventi di diversa natura per le donne in postmenopausa possano controllare i fattori di rischio modificabili come l’obesità metabolicamente malsana, la dislipidemia, l’ipertensione e lo stile di vita. 

Fonte:Menopause online 2019

IT-NON-00851-W-09/2021

 

Le ultime notizie

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epatite C: stadio fibrosi epatica e insufficienza cardiaca incidente

E’ stato condotto uno studio allo scopo di determinare l’associazione tra livello di fibrosi e tipologia dell’insufficienza cardiaca, e valutare se lo status relativo all’Hiv o all’epatite C modifichi questa associazione.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Melanomi: manuale di stadiazione aggiornato predice al meglio gli esiti

Uno studio ha valutato la performance del nuovo manuale di stadiazione dei melanomi su 1315 pazienti. I dati raccolti sostengono il valore aggiunto della nuova edizione rispetto alla precedente nella previsione delle probabilità di sopravvivenza specialmente per quanto riguarda i pazienti con lesioni allo stadio III.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuovo coronavirus: anomalie coagulazione associate a prognosi negativa

E’ stato effettuato uno studio allo scopo di descrivere le caratteristiche della coagulazione dei pazienti con polmonite da nuovo coronavirus (NCP). Il 71,4% dei non sopravvissuti e lo 0,6% dei sopravvissuti corrispondeva ai criteri diagnostici della coagulazione intravascolare disseminata (CID) nel corso della degenza ospedaliera.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Artrite reumatoide e mortalità nelle nefropatie terminali

E’ stato condotto uno studio per determinare se l’artrite reumatoide sia un fattore di rischio di eventi cardiovascolari, mortalità complessiva e mortalità cardiovascolare nel contesto delle nefropatie terminali. Nell’ambito dell’analisi multivariata, l’artrite reumatoide non è risultata associata ad alcun incremento del rischio di mortalità complessiva o cardiovascolare entro 5 anni.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Riserva funzionale cardiovascolare migliora con il trapianto di rene

Da uno studio condotto su 85 pazienti emerge come la riserva funzionale cardiovascolare migliori a seguito di un trapianto di rene nei pazienti con nefropatie terminali, anche in assenza di alterazioni significative della morfologia ventricolare.

By Popular Science