cookies

10-09-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Esperienze positive da bambini e salute mentale da adulti

(Reuters Health) – I bambini che vivono un maggior numero di esperienze positive con la famiglia, gli amici e le persone all’interno della vita di comunità, hanno minori probabilità di avere difficoltà psicologiche e relazionali da adulti.

“Le esperienze avverse durante l’infanzia come abuso, rifiuto, violenza e assenza genitoriale sono da tempo legate a effetti negativi duraturi sulla salute fisica e mentale, osservano gli autori dello studio su JAMA Pediatrics. “Tuttavia, non si sa ancora molto sulla possibilità che le esperienze positive rendano più semplice ai bambini reagire o su cosa accade quando i piccoli vivono un mix di esperienze positive e negative”.

Lo studio
I ricercatori della Bloomberg School of Public Health presso la Johns Hopkins University di Baltimora – guidati da Christina Bethell- hanno chiesto a 6.118 adulti quanto spesso durante l’infanzia si sono sentiti capaci di parlare dei propri sentimenti a famiglia e amici, hanno percepito la vicinanza della propria famiglia durante momenti di difficoltà, hanno partecipato alle attività della comunità, hanno provato un senso di appartenenza durante le scuole superiori, si sono sentiti supportati dagli amici, hanno avuto almeno due adulti che non fossero i genitori che si sono interessati a loro e, infine, quanto spesso si sono sentiti sicuri e protetti dalla presenza di un adulto in casa.

Nel complesso, gli adulti che hanno riferito dalle sei alle sette esperienze positive del genere avevano il 72% in meno delle probabilità di essere depressi o di avere almeno 14 giorni di cattiva salute mentale al mese rispetto a coloro che hanno riferito non più di due esperienze positive. Anche da tre a cinque esperienze positive erano legate a un 50% in meno di probabilità di depressione o precaria salute mentale rispetto a due o meno.

Queste associazioni si sono mantenute anche quando i rispondenti hanno segnalato molteplici esperienze negative durante l’infanzia.
"L’assenza dei tipi di esperienze infantili positive che abbiamo valutato nel nostro studio è molto stressante per un bambino”, dice l’autrice principale dello studio, Christina Bethell. "Senza un sostegno amorevole, gli ormoni dello stress dei bambini possono rimanere alti e ciò influisce su come si sviluppa il cervello in modi che rendono loro più difficile percepire sicurezza, rilassatezza e diventare aperti, curiosi e imparare ad avere relazioni positive con gli altri”.

La correlazione tra esperienze di vita positive e salute mentale e rapporti umani migliori si è mantenuta anche nelle persone che hanno avuto esperienze avverse durante l’infanzia.

Rispetto ai partecipanti che hanno segnalato non più di due esperienze positive da bambini, le persone che ne hanno vissute da sei a sette avevano oltre il triplo delle probabilità di riferire che da adulti hanno “sempre” ricevuto il supporto sociale ed emotivo di cui necessitavano.

Quando i soggetti non avevano avuto più di due esperienze positive durante l’infanzia, solo un terzo ha segnalato di avere sempre ricevuto supporto, anche quando non vi era alle spalle una storia di esperienze negative da bambini.

Fonte: JAMA Pediatrics 2019

 

Le ultime notizie

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epatite C: stadio fibrosi epatica e insufficienza cardiaca incidente

E’ stato condotto uno studio allo scopo di determinare l’associazione tra livello di fibrosi e tipologia dell’insufficienza cardiaca, e valutare se lo status relativo all’Hiv o all’epatite C modifichi questa associazione.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Melanomi: manuale di stadiazione aggiornato predice al meglio gli esiti

Uno studio ha valutato la performance del nuovo manuale di stadiazione dei melanomi su 1315 pazienti. I dati raccolti sostengono il valore aggiunto della nuova edizione rispetto alla precedente nella previsione delle probabilità di sopravvivenza specialmente per quanto riguarda i pazienti con lesioni allo stadio III.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuovo coronavirus: anomalie coagulazione associate a prognosi negativa

E’ stato effettuato uno studio allo scopo di descrivere le caratteristiche della coagulazione dei pazienti con polmonite da nuovo coronavirus (NCP). Il 71,4% dei non sopravvissuti e lo 0,6% dei sopravvissuti corrispondeva ai criteri diagnostici della coagulazione intravascolare disseminata (CID) nel corso della degenza ospedaliera.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Artrite reumatoide e mortalità nelle nefropatie terminali

E’ stato condotto uno studio per determinare se l’artrite reumatoide sia un fattore di rischio di eventi cardiovascolari, mortalità complessiva e mortalità cardiovascolare nel contesto delle nefropatie terminali. Nell’ambito dell’analisi multivariata, l’artrite reumatoide non è risultata associata ad alcun incremento del rischio di mortalità complessiva o cardiovascolare entro 5 anni.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Riserva funzionale cardiovascolare migliora con il trapianto di rene

Da uno studio condotto su 85 pazienti emerge come la riserva funzionale cardiovascolare migliori a seguito di un trapianto di rene nei pazienti con nefropatie terminali, anche in assenza di alterazioni significative della morfologia ventricolare.

By Popular Science