cookies

11-09-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Mastectomia con ricostruzione immediata nelle donne anziane

I tassi delle complicazioni postoperatorie a seguito di una mastectomia con ricostruzione mammaria immediata sono maggiori per le donne al di sopra dei 65 anni rispetto alle donne più giovani.

Lo ha dimostrato uno studio condotto su 1.698 pazienti da Tina Hieken della Mayo Clinic di Rochester, secondo la quale la differenza è statisticamente significativa nonostante il tasso di complicazioni complessivamente basso.

La ricostruzione mammaria immediata dopo una mastectomia migliora la qualità della vita e l’immagine corporea, ma soltanto una paziente su 6 con diagnosi di tumore mammario sopra i 65 anni viene sottoposta a mastectomia con ricostruzione mammaria.

La differenza osservata fra le due fasce d’età nelle complicazioni che richiedono trattamento è apparentemente lieve, ma significativa anche a livello clinico.
Ad esempio, la formazione di ematomi che richiedono un nuovo intervento è 5 volte più frequente nelle donne anziane. 

I ricercatori raccomandano di rivelare questo incremento del rischio di complicazioni postoperatorie alle donne anziane onde aiutarle a prendere decisioni pienamente informate sul trattamento del tumore mammario o su eventuali piani di riduzione del rischio.

Sarebbe opportuno ricercare parametri migliori per rifinire meglio la selezione delle pazienti per gli interventi più complessi, specialmente alla luce dell’invecchiamento della popolazione generale e del concomitante incremento continuo dell’età media all’atto della diagnosi di tumore mammario. 

Fonte: Surgery online 2019

IT-NON-00856-W-09/2021

 

Le ultime notizie

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epatite C: stadio fibrosi epatica e insufficienza cardiaca incidente

E’ stato condotto uno studio allo scopo di determinare l’associazione tra livello di fibrosi e tipologia dell’insufficienza cardiaca, e valutare se lo status relativo all’Hiv o all’epatite C modifichi questa associazione.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Melanomi: manuale di stadiazione aggiornato predice al meglio gli esiti

Uno studio ha valutato la performance del nuovo manuale di stadiazione dei melanomi su 1315 pazienti. I dati raccolti sostengono il valore aggiunto della nuova edizione rispetto alla precedente nella previsione delle probabilità di sopravvivenza specialmente per quanto riguarda i pazienti con lesioni allo stadio III.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuovo coronavirus: anomalie coagulazione associate a prognosi negativa

E’ stato effettuato uno studio allo scopo di descrivere le caratteristiche della coagulazione dei pazienti con polmonite da nuovo coronavirus (NCP). Il 71,4% dei non sopravvissuti e lo 0,6% dei sopravvissuti corrispondeva ai criteri diagnostici della coagulazione intravascolare disseminata (CID) nel corso della degenza ospedaliera.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Artrite reumatoide e mortalità nelle nefropatie terminali

E’ stato condotto uno studio per determinare se l’artrite reumatoide sia un fattore di rischio di eventi cardiovascolari, mortalità complessiva e mortalità cardiovascolare nel contesto delle nefropatie terminali. Nell’ambito dell’analisi multivariata, l’artrite reumatoide non è risultata associata ad alcun incremento del rischio di mortalità complessiva o cardiovascolare entro 5 anni.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Riserva funzionale cardiovascolare migliora con il trapianto di rene

Da uno studio condotto su 85 pazienti emerge come la riserva funzionale cardiovascolare migliori a seguito di un trapianto di rene nei pazienti con nefropatie terminali, anche in assenza di alterazioni significative della morfologia ventricolare.

By Popular Science