cookies

11-09-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

OMS: una persona ogni 40 secondi muore suicida

(Reuters Health) – Ogni 40 secondi una persona si toglie la vita e ogni anno muoiono più persone per suicidio che in guerra. Lo fa sapere l’OMS con un rapporto nella giornata mondiale dedicata alla prevenzione del suicidio, il 10 settembre.

Impiccagione, avvelenamento e colpo d’arma da fuoco sono i più comuni metodi di suicidio.

"Il suicidio è un problema di salute pubblica globale, che interessa tutte le fasce d’età, ambedue i sessi e tutte le aree del mondo, segnala il rapporto dell’OMS. Dopo gli incidenti stradali, il suicidio è la seconda causa principale di decesso nei giovani tra i 15 e i 29 anni e nelle ragazze dai 15 ai 19 anni. Negli adolescenti maschi, il suicidio si colloca al terzo posto dopo gli incidenti stradali e la violenza interpersonale.

Nel complesso, quasi 800.000 persone muoiono ogni anno per suicidio ogni anno: un numero maggiore delle morti dovute a malaria, tumore al seno, guerra o omicidio.

I tassi globali sono calati negli ultimi anni – con una riduzione del 9,8% tra il 2010 e il 2016 – ma non in modo omogeneo. Per esempio nelle Americhe i tassi sono aumentati del 6% tra il 2010 e il 2016.

Il rapporto ha anche riscontrato che nei Paesi ricchi, il triplo delle volte a suicidarsi sono gli uomini, rispetto ai Paesi a basso e medio reddito dove i tassi sono più omogenei tra i due sessi.

“I suicidi sono prevenibili”, dice il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Esortiamo tutti i Paesi a implementare strategie collaudate di prevenzione dei suicidi nei programmi nazionali per la salute e l’istruzione”.

Secondo l’OMS, restringere l’accesso ai pesticidi si è rivelato uno dei modi più efficaci per ridurre rapidamente il numero di suicidi.

I pesticidi generalmente portano al decesso perché sono tossici, non hanno antidoti e spesso sono usati in aree remote dove non vi è alcuna assistenza medica nelle vicinanze.

A questo riguardo, l’OMS cita studi condotti in Sri Lanka, dove i divieti sui pesticidi hanno condotto a un calo del 70% dei suicidi e a 93.000 vite salvate tra il 1995 e il 2015.

Fonte: OMS
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Le ultime notizie

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epatite C: stadio fibrosi epatica e insufficienza cardiaca incidente

E’ stato condotto uno studio allo scopo di determinare l’associazione tra livello di fibrosi e tipologia dell’insufficienza cardiaca, e valutare se lo status relativo all’Hiv o all’epatite C modifichi questa associazione.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Melanomi: manuale di stadiazione aggiornato predice al meglio gli esiti

Uno studio ha valutato la performance del nuovo manuale di stadiazione dei melanomi su 1315 pazienti. I dati raccolti sostengono il valore aggiunto della nuova edizione rispetto alla precedente nella previsione delle probabilità di sopravvivenza specialmente per quanto riguarda i pazienti con lesioni allo stadio III.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuovo coronavirus: anomalie coagulazione associate a prognosi negativa

E’ stato effettuato uno studio allo scopo di descrivere le caratteristiche della coagulazione dei pazienti con polmonite da nuovo coronavirus (NCP). Il 71,4% dei non sopravvissuti e lo 0,6% dei sopravvissuti corrispondeva ai criteri diagnostici della coagulazione intravascolare disseminata (CID) nel corso della degenza ospedaliera.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Artrite reumatoide e mortalità nelle nefropatie terminali

E’ stato condotto uno studio per determinare se l’artrite reumatoide sia un fattore di rischio di eventi cardiovascolari, mortalità complessiva e mortalità cardiovascolare nel contesto delle nefropatie terminali. Nell’ambito dell’analisi multivariata, l’artrite reumatoide non è risultata associata ad alcun incremento del rischio di mortalità complessiva o cardiovascolare entro 5 anni.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Riserva funzionale cardiovascolare migliora con il trapianto di rene

Da uno studio condotto su 85 pazienti emerge come la riserva funzionale cardiovascolare migliori a seguito di un trapianto di rene nei pazienti con nefropatie terminali, anche in assenza di alterazioni significative della morfologia ventricolare.

By Popular Science