cookies

11-09-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Varianti genetiche dell’insonnia e rischio cardiovascolare

(Reuters Health) – Alcune varianti genetiche associate all’insonnia sembrano aumentare le probabilità di patologie cardiovascolari.

È quanto emerge da uno studio condotto da Susanna C. Larsson, del Karolinska Institutet di Stoccolma e della Uppsala University di Uppsala, e da Hugh S. Markus, dell’Università di Cambridge.

Diversi studi osservazionali hanno già suggerito un’associazione tra insonnia e rischio di malattie cardiovascolari, ma rimane incerta la natura causale di tale correlazione.

Lo studio
I due ricercatori hanno indagato se i polimorfismi a singolo nucleotide (SNP), identificati in una metanalisi come significativamente associati all’insonnia, fossero legati a gravi malattie cardiovascolari, come coronaropatia (CAD), insufficienza cardiaca (HF), fibrillazione atriale (AF) e ictus ischemico.

Dopo la correzione per molteplici test, la responsabilità genetica per l’insonnia è risultata associata a un aumento dal 9 al 13% delle probabilità di coronaropatia, dall’11 al 19% di insufficienza cardiaca e dal 5 all’8% di ictus ischemico. Questi incrementi nei rischi erano tutti statisticamente significativi.

La correlazione tra responsabilità genetica per l’insonnia e ictus ischemico era più forte per l’ictus delle grandi arterie (odds ratio, 1,13; P=0,01) e più debole per l’ictus dei piccoli vasi (OR, 1,08; P=0,08) e per quello cardioembolico (OR, 1,06; P=0,08).

"Ciò potrebbe indicare che l’associazione tra insonnia e patologia cardiovascolare può, almeno in parte, essere indirizzata dall’aterosclerosi”, osserva Susanna Larsson. “I problemi del sonno possono aumentare il rischio di patologie cardiovascolari. Pertanto ridurre i problemi di sonno è importante non solo per il benessere generale ma anche per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

Fonte: Circulation 2019

IT-NON-00858-W-09/2021

 

Le ultime notizie

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epatite C: stadio fibrosi epatica e insufficienza cardiaca incidente

E’ stato condotto uno studio allo scopo di determinare l’associazione tra livello di fibrosi e tipologia dell’insufficienza cardiaca, e valutare se lo status relativo all’Hiv o all’epatite C modifichi questa associazione.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Melanomi: manuale di stadiazione aggiornato predice al meglio gli esiti

Uno studio ha valutato la performance del nuovo manuale di stadiazione dei melanomi su 1315 pazienti. I dati raccolti sostengono il valore aggiunto della nuova edizione rispetto alla precedente nella previsione delle probabilità di sopravvivenza specialmente per quanto riguarda i pazienti con lesioni allo stadio III.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuovo coronavirus: anomalie coagulazione associate a prognosi negativa

E’ stato effettuato uno studio allo scopo di descrivere le caratteristiche della coagulazione dei pazienti con polmonite da nuovo coronavirus (NCP). Il 71,4% dei non sopravvissuti e lo 0,6% dei sopravvissuti corrispondeva ai criteri diagnostici della coagulazione intravascolare disseminata (CID) nel corso della degenza ospedaliera.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Artrite reumatoide e mortalità nelle nefropatie terminali

E’ stato condotto uno studio per determinare se l’artrite reumatoide sia un fattore di rischio di eventi cardiovascolari, mortalità complessiva e mortalità cardiovascolare nel contesto delle nefropatie terminali. Nell’ambito dell’analisi multivariata, l’artrite reumatoide non è risultata associata ad alcun incremento del rischio di mortalità complessiva o cardiovascolare entro 5 anni.

By Popular Science

21-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Riserva funzionale cardiovascolare migliora con il trapianto di rene

Da uno studio condotto su 85 pazienti emerge come la riserva funzionale cardiovascolare migliori a seguito di un trapianto di rene nei pazienti con nefropatie terminali, anche in assenza di alterazioni significative della morfologia ventricolare.

By Popular Science