cookies

08-10-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Bambini: convulsioni febbrili e rischio epilessia e disturbi psichiatrici

(Reuters Health) – Secondo uno studio danese basato sulla popolazione, i bambini piccoli che soffrono di convulsioni febbrili ricorrenti sembrano presentare un rischio aumentato di epilessia e disturbi psichiatrici. 

"Abbiamo condotto questo studio perché le convulsioni febbrili sono il disturbo neurologico più comune nei bambini piccoli, anche se sappiamo molto poco sulle conseguenze a lungo termine a esse correlate - dice Julie Werenberg Dreier della Aarhus University, autrice principale dello studio - Finora, generalmente le convulsioni febbrili sono state associate a una prognosi favorevole, con conseguenze durature minime o assenti sullo sviluppo del bambino. Tuttavia, i risultati del nostro studio fanno nutrire dei dubbi”. 

Lo studio 
Usando i dati di un registro danese, i ricercatori hanno valutato il rischio a lungo termine di epilessia e qualsiasi disturbo psichiatrico diagnosticato in bambini con convulsioni febbrili ricorrenti. Su oltre 2,1 milioni di bimbi dai tre mesi ai cinque anni, il 3,6% ha presentato una prima convulsione febbrile tra il 1977 e il 2016. Le convulsioni erano significativamente più comuni nei maschi che nelle femmine (3,9% vs 3,3%). “I soggetti con una prima convulsione febbrile presentavano un rischio pari al 22,7% di averne un’altra, segnala il team su JAMA Pediatrics online. Il rischio di epilessia aumentava progressivamente con il numero di ricoveri in ospedale per convulsioni febbrili. 

Il rischio cumulativo a 30 anni di epilessia era pari al 2,2% alla nascita rispetto al 15,8% in coloro che avevano avuto tre convulsioni febbrili. Lo stesso è stato registrato per i disturbi psichiatrici, con un rischio cumulativo a 30 anni del 17,2% alla nascita e del 29,1% dopo tre convulsioni febbrili. 

I ricercatori affermano che probabilmente si tratta di stime conservative del burden complessivo di disturbi psichiatrici a seguito di convulsioni febbrili perché includono solo persone con disturbi psichiatrici per cui sono stati necessari trattamenti di assistenza secondaria. Il rischio di questi disturbi risultava significativamente aumentato anche dopo l’aggiustamento per epilessia. “Non siamo sicuri se questo rischio aumentato sia effettivamente attribuibile alle stesse convulsioni o se potrebbe essere dovuto a qualche fattore soggiacente”, conclude Dreier . “Le future ricerche dovrebbero concentrarsi sul ruolo della genetica come causa e sul perché alcuni bambini tendono ad avere convulsioni febbrili ricorrenti e, successivamente, a sviluppare anche epilessia e disturbi psichiatrici”. 

Fonte: JAMA Pediatrics 2019
 

Le ultime notizie

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

IBD: con 6 mesi di dieta mediterranea migliorano nutrizione e steatosi

Ai pazienti con malattia infiammatoria intestinale (Ibd) sono sufficienti sei mesi di dieta mediterranea per poter apprezzare miglioramenti significativi nei parametri legati alla malnutrizione e nella steatosi. L’evidenza emerge da uno studio condotto da un team dell’Università di Cagliari

By Reuters Health News

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: dolore diffuso correlato a qualità del sonno

Uno studio ha valutato l'associazione tra dolore diffuso e qualità del sonno in soggetti con Hiv e soggetti di controllo Hiv-negativi. I soggetti con dolore diffuso e regionale hanno riportato costantemente una qualità del sonno peggiore in tutti i parametri autoriportati rispetto ai soggetti senza dolore

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori polmonari: due nuove mutazioni germinali aumentano il rischio

Due nuove varianti genetiche germinali di recente identificazione sono associate ad un incremento del rischio di tumori polmonari. La prima riguarda il gene ATM, la seconda il gene KIAA0930

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

T. polmone: stop al fumo 2 anni prima della diagnosi allunga la vita

Smettere di fumare prima di una diagnosi di tumore polmonare è associato ad un beneficio in termini di sopravvivenza, anche se la cessazione del fumo è stata recente. Uno studio del del Princess Margaret Cancer Center di Toronto ha individuato una soglia di 2 anni di anticipo.

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

BPCO riacutizzata: purulenza espettorato predice infezioni batteriche

E’ stata condotta una revisione sistematica con meta-analisi della letteratura per valutare la purulenza dell’espettorato come criterio di indicazione degli antibiotici nella BPCO riacutizzata. Rispetto all’espettorato mucoide, quello purulento presenta una probabilità significativamente più elevata di risultare positivo alla presenza batterica all’esame colturale.

By Popular Science