cookies

08-10-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti: relazioni familiari positive riducono rischio depressione

 (Reuters Health) - "La coesione familiare e pochi conflitti tra genitori e figli non solo proteggono i giovani dalla depressione durante un periodo particolarmente sensibile e vulnerabile della loro vita, l'adolescenza; promuovono anche la salute mentale durante la giovane età adulta e la mezza età", dice Ping Chen, ricercatore dell'University of North Carolina a Chapel Hill e co-autore di uno studio a riguardo pubblicato da JAMa Pediatrics.

Lo studio
Ping Chen e colleghi hanno valutato, in una serie di sondaggi, le dinamiche familiari e l'insorgenza di sintomi depressivi in 18.185 volontari. All'inizio dello studio l'età media dei partecipanti era di 15 anni; sono stati seguiti fino ai 32-43 anni.

L'analisi dei sondaggi ha rivelato che i giovani cresciuti in famiglie più coese, che sono entrati meno in conflitto con i genitori, avevano meno probabilità di manifestare sintomi di depressione.

I risultati variano però tra uomini e donne. Le donne sembrano trarre un beneficio maggiore dalle relazioni familiari positive nel corso dell'adolescenza, soprattutto verso i vent'anni. Un basso livello di conflitti con i genitori sembra invece avvantaggiare gli uomini per un periodo più lungo rispetto alle donne.

Per valutare le dinamiche familiari, i ricercatori hanno chiesto agli adolescenti quanto spesso si sentivano capiti dai loro familiari, quanto spesso si divertivano con la famiglia e con quale frequenza la loro famiglia prestava loro attenzione. I ricercatori hanno anche chiesto con quale frequenza gli adolescenti litigavano seriamente con i genitori per il loro comportamento.

I ricercatori hanno sottolineato però di non aver preso in considerazione le dinamiche familiari negli anni precedenti all'adolescenza, che avrebbero potuto avere un impatto sulla salute mentale. 

"Questo studio non è in grado di determinare se le relazioni genitore-figlio causino depressione o meno e non spiega l'associazione osservata", dice Rebecca Dudovitz, ricercatrice presso la David Geffen School of Medicine dell'UCLA, che non ha partecipato allo studio.”Si potrebbe immaginare che le relazioni familiari positive forniscano un supporto sociale e gettino le  basi, mentali e fisiche, per una risposa sana alle situazioni stressanti”.

“I risultati dello studio suggeriscono che vivere in un ambiente familiare favorevole con genitori comprensivi, che prestano attenzione ai loro figli, possa aiutare gli adolescenti a superare più facilmente gli alti e bassi della vita, risponde Chen. "Le capacità di adattamento sviluppate durante l'adolescenza restano nelle fasi successive della vita, aiutando i giovani a gestire ulteriori fattori di stress nell'età adulta". I giovani che non godono del supporto familiare, invece, potrebbero non sviluppare queste capacità, e al contrario sviluppare sentimenti negativi e scarsa autostima. In questo modo entrano nell'età adulta meno preparati a far fronte agli stress.

Fonte: JAMA Pediatr 2019

 

Le ultime notizie

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

IBD: con 6 mesi di dieta mediterranea migliorano nutrizione e steatosi

Ai pazienti con malattia infiammatoria intestinale (Ibd) sono sufficienti sei mesi di dieta mediterranea per poter apprezzare miglioramenti significativi nei parametri legati alla malnutrizione e nella steatosi. L’evidenza emerge da uno studio condotto da un team dell’Università di Cagliari

By Reuters Health News

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: dolore diffuso correlato a qualità del sonno

Uno studio ha valutato l'associazione tra dolore diffuso e qualità del sonno in soggetti con Hiv e soggetti di controllo Hiv-negativi. I soggetti con dolore diffuso e regionale hanno riportato costantemente una qualità del sonno peggiore in tutti i parametri autoriportati rispetto ai soggetti senza dolore

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori polmonari: due nuove mutazioni germinali aumentano il rischio

Due nuove varianti genetiche germinali di recente identificazione sono associate ad un incremento del rischio di tumori polmonari. La prima riguarda il gene ATM, la seconda il gene KIAA0930

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

T. polmone: stop al fumo 2 anni prima della diagnosi allunga la vita

Smettere di fumare prima di una diagnosi di tumore polmonare è associato ad un beneficio in termini di sopravvivenza, anche se la cessazione del fumo è stata recente. Uno studio del del Princess Margaret Cancer Center di Toronto ha individuato una soglia di 2 anni di anticipo.

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

BPCO riacutizzata: purulenza espettorato predice infezioni batteriche

E’ stata condotta una revisione sistematica con meta-analisi della letteratura per valutare la purulenza dell’espettorato come criterio di indicazione degli antibiotici nella BPCO riacutizzata. Rispetto all’espettorato mucoide, quello purulento presenta una probabilità significativamente più elevata di risultare positivo alla presenza batterica all’esame colturale.

By Popular Science