cookies

08-10-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti: relazioni familiari positive riducono rischio depressione

 (Reuters Health) - "La coesione familiare e pochi conflitti tra genitori e figli non solo proteggono i giovani dalla depressione durante un periodo particolarmente sensibile e vulnerabile della loro vita, l'adolescenza; promuovono anche la salute mentale durante la giovane età adulta e la mezza età", dice Ping Chen, ricercatore dell'University of North Carolina a Chapel Hill e co-autore di uno studio a riguardo pubblicato da JAMa Pediatrics.

Lo studio
Ping Chen e colleghi hanno valutato, in una serie di sondaggi, le dinamiche familiari e l'insorgenza di sintomi depressivi in 18.185 volontari. All'inizio dello studio l'età media dei partecipanti era di 15 anni; sono stati seguiti fino ai 32-43 anni.

L'analisi dei sondaggi ha rivelato che i giovani cresciuti in famiglie più coese, che sono entrati meno in conflitto con i genitori, avevano meno probabilità di manifestare sintomi di depressione.

I risultati variano però tra uomini e donne. Le donne sembrano trarre un beneficio maggiore dalle relazioni familiari positive nel corso dell'adolescenza, soprattutto verso i vent'anni. Un basso livello di conflitti con i genitori sembra invece avvantaggiare gli uomini per un periodo più lungo rispetto alle donne.

Per valutare le dinamiche familiari, i ricercatori hanno chiesto agli adolescenti quanto spesso si sentivano capiti dai loro familiari, quanto spesso si divertivano con la famiglia e con quale frequenza la loro famiglia prestava loro attenzione. I ricercatori hanno anche chiesto con quale frequenza gli adolescenti litigavano seriamente con i genitori per il loro comportamento.

I ricercatori hanno sottolineato però di non aver preso in considerazione le dinamiche familiari negli anni precedenti all'adolescenza, che avrebbero potuto avere un impatto sulla salute mentale. 

"Questo studio non è in grado di determinare se le relazioni genitore-figlio causino depressione o meno e non spiega l'associazione osservata", dice Rebecca Dudovitz, ricercatrice presso la David Geffen School of Medicine dell'UCLA, che non ha partecipato allo studio.”Si potrebbe immaginare che le relazioni familiari positive forniscano un supporto sociale e gettino le  basi, mentali e fisiche, per una risposa sana alle situazioni stressanti”.

“I risultati dello studio suggeriscono che vivere in un ambiente familiare favorevole con genitori comprensivi, che prestano attenzione ai loro figli, possa aiutare gli adolescenti a superare più facilmente gli alti e bassi della vita, risponde Chen. "Le capacità di adattamento sviluppate durante l'adolescenza restano nelle fasi successive della vita, aiutando i giovani a gestire ulteriori fattori di stress nell'età adulta". I giovani che non godono del supporto familiare, invece, potrebbero non sviluppare queste capacità, e al contrario sviluppare sentimenti negativi e scarsa autostima. In questo modo entrano nell'età adulta meno preparati a far fronte agli stress.

Fonte: JAMA Pediatr 2019

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Malattia di Crohn, aumenta l’obesità nei pazienti ricoverati

Negli ultimi 20 anni la percentuale di pazienti obesi, ospedalizzati con Malattia di Crohn, è fortemente aumentata, ma questo dato non ha inciso sulla mortalità. Tuttavia questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare sepsi e trombosi venosa profonda. L’obesità contribuisce all’infiammazione, ma, a oggi, gli studi relativi all’effetto dell’obesità sugli esiti della Malattia di Chron hanno fornito risultati contrastanti.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Radiografia efficace per l’identificazione dei tumori polmonari

La tecnologia principale usata per lo screening del cancro al polmone è la tomografia computerizzata a basso dosaggio. Questa tecnologia, però, espone il paziente a potenziali rischi legati alle radiazioni emesse. Da uno studio condotto in Corea emerge che la radiografia del torace può costituire una valida alternativa.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Effetto dell’integrazione della vitamina D sull’incidenza del diabete

E' stata condotta una meta-analisi della letteratura sull’integrazione della vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 2. Sono stati presi in considerazione 9 studi randomizzati. Il rischio relativo di diabete con la vitamina D rispetto al placebo era pari a 0,96.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epidemiologia del dolore lombare in bambini e adolescenti

Negli Usa è stato condotto uno studio per determinare la prevalenza del dolore lombare in bambini e adolescenti. Nel complesso il 33,7% dei partecipanti ha riportato di aver avuto episodi di dolore lombare nell’anno precedente, e l’8,5% ha riportato dolore lombare grave.

By Popular Science