cookies

09-10-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumore mammario: esercizio pre-diagnosi protegge da malattie cardiovascolari

Le donne anziane che fanno esercizio prima di ricevere una diagnosi di tumore mammario possono andare incontro ad una riduzione del rischio di eventi cardiovascolari e mortalità da patologie cardiovascolari, come emerge da un’indagine che ha coinvolto più di 4.000 pazienti.

Come affermato da Touchi Okuwuosa della Rush University di Chicago, autrice dello studio, l’influenza dell’esercizio pre-diagnosi rimane evidente anche a distanza di anni dal trattamento del tumore, il che è rilevante in quanto lo stesso trattamento oncologico incrementa il rischio di attacchi cardiaci, ictus, insufficienza cardiaca e malattie cardiovascolari negli anni successivi, anche a distanza di molto tempo, e quindi è interessante il fatto che l’esercizio prima del trattamento possa ridurre il rischio correlato sia al trattamento stesso che al semplice invecchiamento.

Lo stato di forma cardio-respiratoria (CRF) può diminuire del 5-20% nelle donne sottoposte a chemioterapia adiuvante, un impatto che può persistere per anni a seguito della cessazione del trattamento.

Le pazienti che prima della chemioterapia facevano esercizio tendono a tollerare meglio il trattamento ed a riprendersi più rapidamente, mentre le altre risultano più affaticate e gravate, ed impiegano più tempo per la ripresa, senza contare che potrebbero anche non ritornare più al loro status di performance precedente dopo la terapia.

E’ comunque noto che l’esercizio migliora la CRF e la riserva funzionale di tutti gli organi del sistema cardiovascolare. 

Fonte: JACC CardioOncology online 2019

IT-NON-01019-W-10/2021

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Malattia di Crohn, aumenta l’obesità nei pazienti ricoverati

Negli ultimi 20 anni la percentuale di pazienti obesi, ospedalizzati con Malattia di Crohn, è fortemente aumentata, ma questo dato non ha inciso sulla mortalità. Tuttavia questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare sepsi e trombosi venosa profonda. L’obesità contribuisce all’infiammazione, ma, a oggi, gli studi relativi all’effetto dell’obesità sugli esiti della Malattia di Chron hanno fornito risultati contrastanti.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Radiografia efficace per l’identificazione dei tumori polmonari

La tecnologia principale usata per lo screening del cancro al polmone è la tomografia computerizzata a basso dosaggio. Questa tecnologia, però, espone il paziente a potenziali rischi legati alle radiazioni emesse. Da uno studio condotto in Corea emerge che la radiografia del torace può costituire una valida alternativa.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Effetto dell’integrazione della vitamina D sull’incidenza del diabete

E' stata condotta una meta-analisi della letteratura sull’integrazione della vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 2. Sono stati presi in considerazione 9 studi randomizzati. Il rischio relativo di diabete con la vitamina D rispetto al placebo era pari a 0,96.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epidemiologia del dolore lombare in bambini e adolescenti

Negli Usa è stato condotto uno studio per determinare la prevalenza del dolore lombare in bambini e adolescenti. Nel complesso il 33,7% dei partecipanti ha riportato di aver avuto episodi di dolore lombare nell’anno precedente, e l’8,5% ha riportato dolore lombare grave.

By Popular Science