cookies

09-10-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Diabete: fluttuazioni HbA1c aumentano complicazioni a lungo termine

I pazienti con diabete di tipo 2 di recente diagnosi che presentano livelli di HbA1c altamente variabili fra i diversi controlli hanno maggiori probabilità di andare incontro a complicazioni macrovascolari e microvascolari a lungo termine, indipendentemente dalle caratteristiche di base o dal valore medio di HbA1c.

Lo dimostra uno studio condotto su più di 21.000 pazienti da Sheyu Li dell’università Sichuan di Chengdu. Altre ricerche hanno descritto come la variabilità dell’HbA1c sia associata ad esiti peggiori, ma non è ancora possibile comprenderne il motivo, né se sia possibile influenzare questo rischio, dato che la variabilità di questo indicatore sembra essere una caratteristica intrinseca del paziente.

Uno studio precedente ha suggerito che queste fluttuazioni possono essere determinate da diversi fattori clinici, fra cui variazioni della dieta e dello stile di vita, cambiamento di diversi farmaci antidiabetici e sospensione del trattamento, nonché qualità dell’assistenza medica in generale.

Alcuni pazienti potrebbero anche non aderire alla terapia, ma il fattore più importante sembra collegato a variazioni della dieta e del peso. Al momento, comunque, non è possibile affermare che ridurre la variabilità dell’HbA1c ridurrebbe anche il rischio, ma è possibile tenere conto dell’andamento del suo valore e trattare i pazienti diversamente in base alla sua stabilità.

I soggetti con HbA1c maggiormente variabile tendono ad essere giovani e di sesso maschile, con un basso status socio-economico e un maggior livello basale di HbA1c.

Questi dati sono coerenti con uno studio precedente in cui la variabilità dell’HbA1c risultava associata ad età, sesso, BMI, deprivazione sociale e profili di trattamento, e queste differenze potrebbero spiegare almeno parte dell’incremento del rischio di complicazioni. 

Fonte: EASD 2019 Annual Meeting

IT-NON-01022-W-10/2021

 

Le ultime notizie

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

IBD: con 6 mesi di dieta mediterranea migliorano nutrizione e steatosi

Ai pazienti con malattia infiammatoria intestinale (Ibd) sono sufficienti sei mesi di dieta mediterranea per poter apprezzare miglioramenti significativi nei parametri legati alla malnutrizione e nella steatosi. L’evidenza emerge da uno studio condotto da un team dell’Università di Cagliari

By Reuters Health News

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: dolore diffuso correlato a qualità del sonno

Uno studio ha valutato l'associazione tra dolore diffuso e qualità del sonno in soggetti con Hiv e soggetti di controllo Hiv-negativi. I soggetti con dolore diffuso e regionale hanno riportato costantemente una qualità del sonno peggiore in tutti i parametri autoriportati rispetto ai soggetti senza dolore

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori polmonari: due nuove mutazioni germinali aumentano il rischio

Due nuove varianti genetiche germinali di recente identificazione sono associate ad un incremento del rischio di tumori polmonari. La prima riguarda il gene ATM, la seconda il gene KIAA0930

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

T. polmone: stop al fumo 2 anni prima della diagnosi allunga la vita

Smettere di fumare prima di una diagnosi di tumore polmonare è associato ad un beneficio in termini di sopravvivenza, anche se la cessazione del fumo è stata recente. Uno studio del del Princess Margaret Cancer Center di Toronto ha individuato una soglia di 2 anni di anticipo.

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

BPCO riacutizzata: purulenza espettorato predice infezioni batteriche

E’ stata condotta una revisione sistematica con meta-analisi della letteratura per valutare la purulenza dell’espettorato come criterio di indicazione degli antibiotici nella BPCO riacutizzata. Rispetto all’espettorato mucoide, quello purulento presenta una probabilità significativamente più elevata di risultare positivo alla presenza batterica all’esame colturale.

By Popular Science