cookies

09-10-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Compromissione mobilità, biomarker per declino funzionale negli anziani

(Reuters Health) - La valutazione della mobilità negli over 65 anni o durante il ricovero "può essere utile per identificare i pazienti più anziani con infarto miocardico acuto che sono a rischio di declino funzionale. È quanto emerge da uno studio pubblicato da JAMA Internal Medicine.

Lo studio
Alexandra Hajduk della Yale School of Medicine, a New Haven, nel Connecticut, e i colleghi hanno valutato la mobilità di oltre 2.500 anziani usando il test Timed Up and Go (TUG).

L'età media dei partecipanti era di 81 anni e il 57% era composto da uomini, tutti ricoverati in ospedale per un infarto acuto del miocardio in 94 ospedali diversi.

In base ai risultati ottenuti con il TUG, i pazienti sono stati suddivisi in 4 gruppi: mobilità preservata, compromissione lieve, compromissione moderata, compromissione grave. 

In più della metà dei partecipanti, durante la degenza, la mobilità era compromessa: il 22% presentava una menomazione lieve, il 16% moderata e il 15% grave.
Un quarto degli adulti ha riportato un declino funzionale sei mesi dopo la dimissione rispetto a un mese prima dell'ammissione. Il 13% ha riferito di un declino delle attività della vita quotidiana (ADL) e il 17% ha riferito di un declino della capacità di percorrere 400 metri.

Solo il 4% di coloro la cui mobilità non era stata compromessa durante il ricovero ha riportato un declino delle attività della vita quotidiana. Il tasso era vicino al 7% nei soggetti con compromissione lieve e al 19% in quelli con compromissione moderata. Il 35% delle persone che avevano riscontrato una compromissione grave hanno dichiarato un declino delle attività della vita quotidiana. Solo gli ultimi due risultati erano statisticamente significativi.

Nell'11% dei partecipanti del primo gruppo (mobilità preservata) è stata osservata una diminuzione nella capacità di percorrere 400 metri. Diminuzione riscontrata nel 15% di coloro con disabilità lieve, nel 19% di quelli con disabilità moderata e nel 25% di quelli con disabilità grave. Tutti e tre i risultati erano statisticamente significativi.

"Abbiamo scoperto che la compromissione della mobilità è associata al declino di tutte le attività che abbiamo valutato", scrivono gli autori. "Questa scoperta è importante perché la perdita della capacità a eseguire autonomamente le attività della vita quotidiana può segnalare una transizione critica per gli anziani dall'indipendenza alla dipendenza".

La maggior parte dei pazienti anziani considera l'operatività e l'indipendenza prioritaria rispetto alla longevità. Quindi "i medici che si occupano di adulti più anziani con infarto acuto del miocardio devono riconoscere e affrontare le minacce all'indipendenza del paziente. Il TUG è una valutazione rapida, liberamente disponibile e facile che può essere amministrata da medici o personale di supporto senza una formazione approfondita", concludono gli autori.

Fonte: JAMA Intern Med 2019

IT-NON-01027-W-10/2021

 

Le ultime notizie

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

IBD: con 6 mesi di dieta mediterranea migliorano nutrizione e steatosi

Ai pazienti con malattia infiammatoria intestinale (Ibd) sono sufficienti sei mesi di dieta mediterranea per poter apprezzare miglioramenti significativi nei parametri legati alla malnutrizione e nella steatosi. L’evidenza emerge da uno studio condotto da un team dell’Università di Cagliari

By Reuters Health News

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: dolore diffuso correlato a qualità del sonno

Uno studio ha valutato l'associazione tra dolore diffuso e qualità del sonno in soggetti con Hiv e soggetti di controllo Hiv-negativi. I soggetti con dolore diffuso e regionale hanno riportato costantemente una qualità del sonno peggiore in tutti i parametri autoriportati rispetto ai soggetti senza dolore

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori polmonari: due nuove mutazioni germinali aumentano il rischio

Due nuove varianti genetiche germinali di recente identificazione sono associate ad un incremento del rischio di tumori polmonari. La prima riguarda il gene ATM, la seconda il gene KIAA0930

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

T. polmone: stop al fumo 2 anni prima della diagnosi allunga la vita

Smettere di fumare prima di una diagnosi di tumore polmonare è associato ad un beneficio in termini di sopravvivenza, anche se la cessazione del fumo è stata recente. Uno studio del del Princess Margaret Cancer Center di Toronto ha individuato una soglia di 2 anni di anticipo.

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

BPCO riacutizzata: purulenza espettorato predice infezioni batteriche

E’ stata condotta una revisione sistematica con meta-analisi della letteratura per valutare la purulenza dell’espettorato come criterio di indicazione degli antibiotici nella BPCO riacutizzata. Rispetto all’espettorato mucoide, quello purulento presenta una probabilità significativamente più elevata di risultare positivo alla presenza batterica all’esame colturale.

By Popular Science