cookies

06-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epatite C: caratteristiche dell’infezione da Human Hepegivirus 1

La trasmissione dello Human Hepegivirus 1 (HpgV-1), un nuovo hepegvirus umano, è strettamente associata a quella dell’HCV, ma l’impatto della viremia da HpgV-1 sulla viremia dell’HCV è ignoto.

E' stato dunque condotto uno studio atto a valutare l’impatto della viremia da HpgV-1 sulla carica virale dell’HCV e sui danni epatici, nonché a chiarire l’epidemiologia clinica e molecolare dell’infezione da HpgV-1.

Sono stati presi in considerazione 655 soggetti con infezione da HCV, 16 dei quali presentavano viremia da HpgV-1. Le categorie a rischio di infezione da HpgV-1 comprendevano coloro che facevano uso di droghe endovenose, i riceventi di prodotti ematici, i pazienti tatuati e gli uomini omosessuali.

Le sequenze virali sono state suddivise in due sierogruppi distinti. I soggetti con coinfezione presentavano una carica virale media da HCV maggiore rispetto a quella dei soggetti monoinfetti, ed avevano anche una maggiore probabilità di presentare una carica virale da HCV maggiore di 5 log10 IU/mL.

La regressione multipla ha dimostrato l’impatto della carica virale da HpgV-1 e dello status infettivo sulla carica virale dell’HCV. L’infezione da HpgV-1 non risultava comunque associata a valori più elevati ai test di funzionalità epatica, ai livelli di cirrosi o ad anomalie radiologiche.

La viremia da HpgV-1 è dunque associata ad una maggiore carica virale dell’HCV nei pazienti coinfetti, ma non influenza la progressione della patologia epatica correlata all’HCV. 

Fonte: Open Forum Infect Dis. 2019

IT-NON-01167-W-11/2021

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Malattia di Crohn, aumenta l’obesità nei pazienti ricoverati

Negli ultimi 20 anni la percentuale di pazienti obesi, ospedalizzati con Malattia di Crohn, è fortemente aumentata, ma questo dato non ha inciso sulla mortalità. Tuttavia questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare sepsi e trombosi venosa profonda. L’obesità contribuisce all’infiammazione, ma, a oggi, gli studi relativi all’effetto dell’obesità sugli esiti della Malattia di Chron hanno fornito risultati contrastanti.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Radiografia efficace per l’identificazione dei tumori polmonari

La tecnologia principale usata per lo screening del cancro al polmone è la tomografia computerizzata a basso dosaggio. Questa tecnologia, però, espone il paziente a potenziali rischi legati alle radiazioni emesse. Da uno studio condotto in Corea emerge che la radiografia del torace può costituire una valida alternativa.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Effetto dell’integrazione della vitamina D sull’incidenza del diabete

E' stata condotta una meta-analisi della letteratura sull’integrazione della vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 2. Sono stati presi in considerazione 9 studi randomizzati. Il rischio relativo di diabete con la vitamina D rispetto al placebo era pari a 0,96.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epidemiologia del dolore lombare in bambini e adolescenti

Negli Usa è stato condotto uno studio per determinare la prevalenza del dolore lombare in bambini e adolescenti. Nel complesso il 33,7% dei partecipanti ha riportato di aver avuto episodi di dolore lombare nell’anno precedente, e l’8,5% ha riportato dolore lombare grave.

By Popular Science