cookies

06-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Reflusso: nuova valutazione endoscopica della giunzione gastroesofagea

Le ernie iatali e le disfunzioni dello sfintere esofageo inferiore (LES) svolgono ruoli importanti nella patogenesi del reflusso gastroesofageo. 

E' stato sviluppato un nuovo metodo di valutazione endoscopica atto a valutare la giunzione gastroesofagea, ed è stato condotto uno studio con lo scopo di valutare la praticabilità di questo metodo per la previsione diagnostica del reflusso.

Sono stati presi retrospettivamente in considerazione 61 pazienti, in cui l’apertura del cardias (CO) e lo scivolamento erniatico (SH) erano significativamente correlati ai tempi di esposizione all’acido (AET).

La soglia ottimale di CO per AET superiori al 6% era di 3 cm, e quella dell’SH era di 2 cm. Stratificando la popolazione sulla base di questa soglia, i pazienti con CO superiore a 3 cm e quelli con SH superiore a 2 cm presentavano un’AET maggiore rispetto agli altri.

La soglia ottimale per lo SHT (Scope Holding Time %) per un numero di episodi di reflusso superiore ad 80 era del 75%. I pazienti con SHT inferiore al 75% presentavano un maggior numero di episodi di reflusso.

Sensibilità, specificità ed accuratezza per SHT inferiore al 75% per un numero di episodi di reflusso superiore ad 80 erano rispettivamente 81,8%, 54,5% e 68,2%, 

Questa nuova forma di valutazione endoscopica della giunzione gastroesofagea dunque predice in modo significativo la presenza del reflusso e merita ulteriori test nell’ambito di studi futuri. 

Fonte: Endosc Int Open. 2019

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Malattia di Crohn, aumenta l’obesità nei pazienti ricoverati

Negli ultimi 20 anni la percentuale di pazienti obesi, ospedalizzati con Malattia di Crohn, è fortemente aumentata, ma questo dato non ha inciso sulla mortalità. Tuttavia questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare sepsi e trombosi venosa profonda. L’obesità contribuisce all’infiammazione, ma, a oggi, gli studi relativi all’effetto dell’obesità sugli esiti della Malattia di Chron hanno fornito risultati contrastanti.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Radiografia efficace per l’identificazione dei tumori polmonari

La tecnologia principale usata per lo screening del cancro al polmone è la tomografia computerizzata a basso dosaggio. Questa tecnologia, però, espone il paziente a potenziali rischi legati alle radiazioni emesse. Da uno studio condotto in Corea emerge che la radiografia del torace può costituire una valida alternativa.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Effetto dell’integrazione della vitamina D sull’incidenza del diabete

E' stata condotta una meta-analisi della letteratura sull’integrazione della vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 2. Sono stati presi in considerazione 9 studi randomizzati. Il rischio relativo di diabete con la vitamina D rispetto al placebo era pari a 0,96.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epidemiologia del dolore lombare in bambini e adolescenti

Negli Usa è stato condotto uno studio per determinare la prevalenza del dolore lombare in bambini e adolescenti. Nel complesso il 33,7% dei partecipanti ha riportato di aver avuto episodi di dolore lombare nell’anno precedente, e l’8,5% ha riportato dolore lombare grave.

By Popular Science