cookies

07-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Chirurgia oncologica: quando operare?

La decisione di operare o meno un paziente oncologico, specialmente in caso di tumore avanzato, è spesso complessa, e richiede la considerazione di parametri relativi alla malattia, fattori di rischio, obiettivi chirurgici e preferenze del paziente e delle famiglie, come affermato da Venu Pillarisetty dell’università di Washington, che si occupa principalmente di tumori del pancreas, ed è quindi costretto a confrontarsi molto spesso con decisioni difficili.

In molte di queste situazioni la scelta di operare o meno non è ovvia, e la letteratura non necessariamente fornisce le risposte giuste. E' dunque necessario un contesto strutturato ed un modo per valutarlo.

Secondo l’esperto sapere quando operare è relativamente facile, ma la parte difficile è sapere quando non farlo. 

I bordi del tumore possono aiutare ad informare le scelte chirurgiche in una certa misura, e nel caso dei tumori pancreatici si effettua anche un consulto multidisciplinare che include chirurghi, radio-oncologi ed oncologi medici, ma anche e soprattutto specialisti in terapia palliativa, operatori sociali ed un’ampia gamma di personale accessorio che può aiutare a prendere buone decisioni sull’opportunità di raccomandare o meno l’intervento.

E’ di particolare importanza però l’opinione del paziente e della sua famiglia, tenendo conto dei loro obiettivi e dei loro valori. 

In ultima analisi, gli obiettivi della resezione chirurgica dei tumori avanzati dovrebbero essere individualizzati, il che potrebbe richiedere lunghe discussioni, in quanto i pazienti spesso non sanno quali siano i propri obiettivi, specialmente se la diagnosi è molto recente.

Una comunicazione efficace con il paziente e con i suoi familiari sul processo decisionale chirurgico richiede tempo, pazienza ed approfondimento. Nell’approcciare queste discussioni, l’oncologo dovrebbe essere consapevole delle proprie stesse tendenze sulle preferenze più probabili e tentare di metterle da parte, ed inoltre è necessario tenere conto dei problemi culturali e generazionali che potrebbero intervenire.

E’ di particolare importanza ascoltare senza interrompere, il che è difficilissimo da mettere in pratica, specialmente se si ha un reparto indaffarato da portare avanti, ma i periodi di silenzio sono fondamentali. E' proprio in questi frangenti infatti, che il paziente ed i suoi familiari riescono a comunicare ciò che pensano davvero, ed è quindi necessario aspettare i loro tempi, il che anche dal punto di vista dell’impiego del tempo risulta molto più efficace rispetto al parlare troppo. 

Fonte: JADPRO Live

IT-NON-01177-W-11/2021

 

Le ultime notizie

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

IBD: con 6 mesi di dieta mediterranea migliorano nutrizione e steatosi

Ai pazienti con malattia infiammatoria intestinale (Ibd) sono sufficienti sei mesi di dieta mediterranea per poter apprezzare miglioramenti significativi nei parametri legati alla malnutrizione e nella steatosi. L’evidenza emerge da uno studio condotto da un team dell’Università di Cagliari

By Reuters Health News

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: dolore diffuso correlato a qualità del sonno

Uno studio ha valutato l'associazione tra dolore diffuso e qualità del sonno in soggetti con Hiv e soggetti di controllo Hiv-negativi. I soggetti con dolore diffuso e regionale hanno riportato costantemente una qualità del sonno peggiore in tutti i parametri autoriportati rispetto ai soggetti senza dolore

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori polmonari: due nuove mutazioni germinali aumentano il rischio

Due nuove varianti genetiche germinali di recente identificazione sono associate ad un incremento del rischio di tumori polmonari. La prima riguarda il gene ATM, la seconda il gene KIAA0930

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

T. polmone: stop al fumo 2 anni prima della diagnosi allunga la vita

Smettere di fumare prima di una diagnosi di tumore polmonare è associato ad un beneficio in termini di sopravvivenza, anche se la cessazione del fumo è stata recente. Uno studio del del Princess Margaret Cancer Center di Toronto ha individuato una soglia di 2 anni di anticipo.

By Popular Science

28-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

BPCO riacutizzata: purulenza espettorato predice infezioni batteriche

E’ stata condotta una revisione sistematica con meta-analisi della letteratura per valutare la purulenza dell’espettorato come criterio di indicazione degli antibiotici nella BPCO riacutizzata. Rispetto all’espettorato mucoide, quello purulento presenta una probabilità significativamente più elevata di risultare positivo alla presenza batterica all’esame colturale.

By Popular Science