cookies

07-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Chirurgia oncologica: quando operare?

La decisione di operare o meno un paziente oncologico, specialmente in caso di tumore avanzato, è spesso complessa, e richiede la considerazione di parametri relativi alla malattia, fattori di rischio, obiettivi chirurgici e preferenze del paziente e delle famiglie, come affermato da Venu Pillarisetty dell’università di Washington, che si occupa principalmente di tumori del pancreas, ed è quindi costretto a confrontarsi molto spesso con decisioni difficili.

In molte di queste situazioni la scelta di operare o meno non è ovvia, e la letteratura non necessariamente fornisce le risposte giuste. E' dunque necessario un contesto strutturato ed un modo per valutarlo.

Secondo l’esperto sapere quando operare è relativamente facile, ma la parte difficile è sapere quando non farlo. 

I bordi del tumore possono aiutare ad informare le scelte chirurgiche in una certa misura, e nel caso dei tumori pancreatici si effettua anche un consulto multidisciplinare che include chirurghi, radio-oncologi ed oncologi medici, ma anche e soprattutto specialisti in terapia palliativa, operatori sociali ed un’ampia gamma di personale accessorio che può aiutare a prendere buone decisioni sull’opportunità di raccomandare o meno l’intervento.

E’ di particolare importanza però l’opinione del paziente e della sua famiglia, tenendo conto dei loro obiettivi e dei loro valori. 

In ultima analisi, gli obiettivi della resezione chirurgica dei tumori avanzati dovrebbero essere individualizzati, il che potrebbe richiedere lunghe discussioni, in quanto i pazienti spesso non sanno quali siano i propri obiettivi, specialmente se la diagnosi è molto recente.

Una comunicazione efficace con il paziente e con i suoi familiari sul processo decisionale chirurgico richiede tempo, pazienza ed approfondimento. Nell’approcciare queste discussioni, l’oncologo dovrebbe essere consapevole delle proprie stesse tendenze sulle preferenze più probabili e tentare di metterle da parte, ed inoltre è necessario tenere conto dei problemi culturali e generazionali che potrebbero intervenire.

E’ di particolare importanza ascoltare senza interrompere, il che è difficilissimo da mettere in pratica, specialmente se si ha un reparto indaffarato da portare avanti, ma i periodi di silenzio sono fondamentali. E' proprio in questi frangenti infatti, che il paziente ed i suoi familiari riescono a comunicare ciò che pensano davvero, ed è quindi necessario aspettare i loro tempi, il che anche dal punto di vista dell’impiego del tempo risulta molto più efficace rispetto al parlare troppo. 

Fonte: JADPRO Live

IT-NON-01177-W-11/2021

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

28-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Chirurgia oncologica: co-gestione geriatrica riduce la mortalità

I pazienti dai 75 anni in su sottoposti a chirurgia oncologica vanno incontro ad un minor grado di mortalità post-operatoria se ricevono una co-gestione geriatrica. Lo rivela una ricerca condotta su 1.892 pazienti dal Memoria Sloan Kettering Cancer Center di New York,

By Popular Science

28-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Chirurgia bariatrica migliora a lungo termine la funzionalità renale

Secondo uno studio condotto su 144 pazient da Alex Chang della Geisinger di Danvillei, le persone obese che si sottopongono a chirurgia bariatrica possono presentare una migliore funzionalità renale a lungo termine rispetto ai pazienti che non si sottopongono a questo tipo di intervento

By Popular Science

28-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Insonnia: terapia cognitivo-comportamentale efficace anche nei depressi

Un gruppo di ricercatori dell'Adelaide Institute for Sleep Health ha condotto uno studio real world su 450 pazienti che soffrono di insonnia. La terapia cognitivo-comportamentale si è rivelata efficace anche nei pazienti che mostravano sintomi depressivi.

By Popular Science

28-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

L’impronta digitale (cerebrale) dei disturbi dissociativi

I traumi possono causare dei sintomi dissociativi, come amnesie, esperienze extracorporee o insensibilità emotiva. Questi sintomi sembrano essere associati a dei cambiamenti nelle connessioni funzionali tra regioni cerebrali. E' quanto emerge da uno studio condotto da ricercatori del McLean Hospital e pubblicato dall'American Journal of Psychiatry.

By Popular Science