cookies

07-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Infezioni sito chirurgico: inutili giacchetti peri-operatori usa e getta

L’uso di giacchetti peri-operatori usa e getta non è associato ad alcuna riduzione delle infezioni del sito chirurgico per ferite pulite, come emerge da uno studio osservazionale condotto su più di 60.000 pazienti.

L’autore Erik Stapleton dell’Hofstra/Northwell Plainview Hospital di New York ha affermato che il sistema sanitario USA ha adottato le politiche raccomandate dalle linee guida AORN per il modo di vestire peri-operatorio.

In queste raccomandazioni è indicato che il personale non lavato e disinfettato mantenga le braccia coperte nelle aree sia operatorie che peri-operatorie, ed è stato deciso di mettere in pratica la raccomandazione mediante l’uso di giacchetti usa e getta, ma molti chirurghi se ne sono lamentati, ed il presente studio ha riscontrato che nonostante la spesa di 1,7 milioni di dollari per questi giacchetti, le infezioni dei siti chirurgici non sono risultate significativamente ridotte.

A seguito della presentazione di questi risultati, il sistema sanitario USA ha rimosso l’obbligo di indossare questi giacchetti. I dati suggeriscono che il fallimento degli interventi non ha alcuna associazione con le infezioni del sito chirurgico per procedure operatorie pulite.

In un periodo in cui alcune amministrazioni ospedaliere adottano politiche apparentemente senza basi, gli studi che mettono in discussione queste politiche sono di importanza critica, dato lo scopo ultimo di migliorare gli esiti per il paziente pur riducendo i costi dell’assistenza medica.

Sino a quando non si aderirà a degli standard per lo sviluppo di politiche e linee guida che migliori la loro affidabilità, si rimarrà probabilmente vulnerabili a pratiche invalse nell’uso che potrebbero influenzare negativamente l’assistenza, produrre rifiuti ed incrementare il carico economico correlato all’assistenza sanitaria.

Come affermato da alcuni esperti, le linee guida AORN del 2015 non raccomandano specificamente di fare uso di giacchetti usa e getta, ma di coprire le braccia mediante maniche lunghe onde prevenire la diffusione di materiale cutaneo nell’ambiente peri-operatorio.

Le linee guida sono state revisionate e poi rieditate nel 2019, e questa raccomandazione è stata anche rimossa per quanto riguarda le aree ristrette e semiristrette se non in occasione dell'antisepsi cutanea pre-operatoria del paziente.

Sono stati effettuati diversi studi nel campo dell’abbigliamento chirurgico che hanno richiesto all’AORN di effettuare una ricerca sistematica della letteratura  e revisionare le linee guida.

Nel processo di revisione è stato riscontrato che soltanto uno studio ha riportato la raccomandazione di indossare maniche lunghe, e soltanto durante l’antisepsi cutanea pre-operatoria del paziente. 

Fonte: JAMA Surg online 2019

 

Le ultime notizie

12-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Utilità della nefropatia da contrasto

Un meta-analisi che ha preso in considerazione più di 100 mila pazienti, mette in dubbio l'efficacia della nefropatia da contrasto come esame clinico nella diagnosi di danno renale.

By Popular Science

12-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

La polmonite uccide un bambino ogni 39 secondi

Sebbene si possa curare e spesso prevenire, la polmonite è ancora la principale causa di decesso nei bambini piccoli. Lo scorso anno ha mietuto oltre 800.000 vittime, molte di età inferiore a due anni.

By Reuters Health News

12-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

EAT-Lancet, la dieta”salva mondo” costa troppo

Lo stile alimentare proposto un anno fa dal rapporto EAT-Lancet, benché efficace pr la salute e sostenibile dal punto di vita ambientale, è troppo costoso per quasi 1,6 mld di persone

By Reuters Health News

12-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Sintomi di insonnia legati ad ictus ed infarto

Un ampio studio condotto su oltre 400 mila persone conferma il legame tra insonnia e aumento del rischio di patologie cardio-cerebrovascolari

By Popular Science

12-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Depressione: stimolazione cerebrale profonda del cingolato subcalloso

La stimolazione cerebrale profonda sul cingolato subcalloso (Scc) offre sollievo a lungo termine nei pazienti con depressione resistente al trattamento farmacologico. È quanto emerge dai risultati di un trial clinico condotto negli USA.

By Reuters Health News