cookies

29-11-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Angina vasospastica e spasmo coronarico epicardico

Nei pazienti con angina e coronaropatie non ostruttive, la coesistenza di spasmo coronarico epicardico ed incremento della resistenza microvascolare (MR) è associata ad una prognosi peggiore. 

Lo suggerisce uno studio condotto su 184 pazienti da Hiroaki Shimohawa della Tohoku University Graduate School of Medicine di Sendai, secondo cui circa la metà dei pazienti sottoposti ad angiografia coronarica diagnostica per angina non presenta alcuna ostruzione significativa delle arterie coronariche, il che suggerisce il coinvolgimento di anomalie funzionali.

Secondo alcuni esperti queste anomalie sono molto comuni nei pazienti con angina, compresi quelli con coronaropatie ostruttive. Sussiste una sostanziale sovrapposiione fra i pazienti con angina vasospastica coronarica (un problema macrocircolatorio) e disfunzioni microvascolari coronariche. Infatti i pazienti con angina vasospastica che nel presente studio hanno presentato il maggior livello di rischio erano di fatto quelli con disfunzioni microvascolari.

Il principale reperto dello studio consiste proprio nel fatto che fra i pazienti con angina vasospastica quelli con la maggiore IMR erano anche quelli a maggior rischio di eventi cardiovascolari. Di contro, i pazienti con angina vasospastica ed IMR normale hanno dimostrato un livello di rischio pressoché nullo, simile a quello dei pazienti non affetti da angina vasospastica. 

Fonte: J Am Coll Cardiol online 2019

IT-NON-01307-W-12/2021

 

Le ultime notizie

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Apnee notturne. Donne sottovalutate e sottotrattate

Le donne che soffrono di apnee ostruttive del sono rischiano di essere sottodiagnosticate e, conseguentemente, non trattate in modo adeguato. Tutto dipende dalle linee guida che si prendono in considerazione.

By Reuters Health News

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Alzheimer. Funzionano gli ultrasuoni focalizzati a bassa intensità

Gli ultrasuoni focalizzati a bassa intensità, guidati tramite RMN, possono aprire con sicurezza la barriera ematoencefalica e, teoricamente, consentire l’erogazione mirata dei farmaci in pazienti con Malattia di Alzheimer

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Profili cutanei metilazione del DNA in pazienti con dermatite atopica

La predisposizione alla dermatite atopica viene creata da fattori sia genetici che ambientali, e la metilazione del DNA può costituire un fattore predisponente addizionale.

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia mieloide acuta: nuovo biomarcatore prognostico-terapeutico

Sono in aumento gli studi che mostrano una disregolazione dell’EZH2 mediata dalla relativa mutazione ed espressione in diversi tumori umani, fra cui la leucemia mieloide acuta.

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Paralisi corde vocali: tempi ripresa connessi a sito danno neurale

Nei casi di paralisi delle corde vocali, più ampia è la distanza dalla corda vocale al sito danneggiato, maggiore sarà il tempo di recupero.

By Popular Science