cookies

02-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Demenza, incubo per metà degli americani

Circa la metà degli abitanti di mezza età degli USA pensa di avere buone probabilità di sviluppare la demenza, e molti tentano di sovvertire questa possibilità mediante integratori a base di ginkgo biloba e vitamina E la cui efficacia non è dimostrata.

Questi dati derivano dall’indagine NPHA del 2018, esaminata da Donovan Maust dell’università del Michigan, secondo cui dati i ripetuti fallimenti dei trattamenti per la prevenzione o il trattamento della demenza l’interesse su trattamento e prevenzione è passato alle fasi più precoci del processo patologico.

La sovrastima del rischio individuale, combinata con l’adozione di misure preventive inefficaci, potrebbe portare a notevoli spese inutili anche se un giorno venisse scoperto un trattamento efficace.

I soggetti adulti di mezza età potrebbero non stimare accuratamente il proprio rischio di sviluppare demenza, il che porterebbe sia all’abuso che allo scarso utilizzo di eventuali trattamenti per la demenza che potrebbero divenire disponibili.

Per quanto la gestione delle patologie mediche croniche come diabete e malattie cardiovascolari possa ridurre il rischio di demenza, pochi dei soggetti interpellati hanno affermato di averne discusso con il proprio medico.

I medici dunque dovrebbero enfatizzare le attuali strategie basate sulle evidenze per la gestione dello stile di vita e delle patologie mediche croniche allo scopo di ridurre realmente il rischio di demenza nella popolazione. 

Fonte: JAMA Neurol online 2019

 

Le ultime notizie

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Apnee notturne. Donne sottovalutate e sottotrattate

Le donne che soffrono di apnee ostruttive del sono rischiano di essere sottodiagnosticate e, conseguentemente, non trattate in modo adeguato. Tutto dipende dalle linee guida che si prendono in considerazione.

By Reuters Health News

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Alzheimer. Funzionano gli ultrasuoni focalizzati a bassa intensità

Gli ultrasuoni focalizzati a bassa intensità, guidati tramite RMN, possono aprire con sicurezza la barriera ematoencefalica e, teoricamente, consentire l’erogazione mirata dei farmaci in pazienti con Malattia di Alzheimer

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Profili cutanei metilazione del DNA in pazienti con dermatite atopica

La predisposizione alla dermatite atopica viene creata da fattori sia genetici che ambientali, e la metilazione del DNA può costituire un fattore predisponente addizionale.

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia mieloide acuta: nuovo biomarcatore prognostico-terapeutico

Sono in aumento gli studi che mostrano una disregolazione dell’EZH2 mediata dalla relativa mutazione ed espressione in diversi tumori umani, fra cui la leucemia mieloide acuta.

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Paralisi corde vocali: tempi ripresa connessi a sito danno neurale

Nei casi di paralisi delle corde vocali, più ampia è la distanza dalla corda vocale al sito danneggiato, maggiore sarà il tempo di recupero.

By Popular Science