cookies

02-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Sopravvissuti a un cancro a maggior rischio di decesso per cardiopatia

(Reuters Health) – Uno studio statunitense indica che molti pazienti e sopravvissuti a un cancro muoiono per cardiopatia piuttosto che per i loro tumori, specialmente se sono maligni come tumore al seno e alla prostata.

I ricercatori del Penn State College of Medicine di Hershey  - guidati da Kathleen Sturgeon -  hanno esaminato dati su oltre 3,2 milioni di pazienti oncologici che hanno ricevuto la loro diagnosi tra il 1973 e il 2012. Durante il periodo di studio, il 38% di questi pazienti è deceduto per cancro e l’11% per una malattia cardiovascolare. Tre persone su quattro con una causa di decesso cardiovascolare sono morte per cardiopatia.

Il rischio di morire per malattie cardiovascolari era al massimo livello nel primo anno dopo la diagnosi di cancro e tra i pazienti che avevano scoperto di avere un tumore prima dei 35 anni.

"Questi risultati mostrano che un’ampia percentuale di certi pazienti oncologici morirà per malattie cardiovascolari, tra cui cardiopatie, ictus, aneurisma, ipertensione e danni ai vasi sanguigni”, commenta Kathleen Sturgeon, autrice principale dello studio. "Abbiamo anche scoperto che nei sopravvissuti a qualsiasi tipo di cancro diagnosticati prima dei 55 anni d’età, il rischio di decesso cardiovascolare era più di 10 volte superiore che nella popolazione generale”.

Le fatalità per malattie cardiovascolari comprendevano decessi legati a cardiopatie, ipertensione, malattie cerebrovascolari, arterie ostruite e danni ai vasi sanguigni più piccoli.

L’analisi ha esaminato 28 tipi di cancro e ha riscontrato che la maggior parte dei decessi per malattie cardiovascolari è avvenuta nei casi di malignità comuni come tumori del seno e della prostata, entrambi, esempi di neoplasie con una buona prognosi per la sopravvivenza a lungo termine.

I pazienti con i tumori più aggressivi e difficili da trattare – tra cui malignità di polmone, fegato, cervello, stomaco, cistifellea, pancreas, esofago e ovaie – avevano invece più probabilità di morire per i loro tumori che per cause cardiovascolari.

“Gli effetti collaterali dei trattamenti oncologici possono rendere i sopravvissuti più vulnerabili a problemi cardiaci, soprattutto nel primo anno o due anni dopo la diagnosi di cancro”, osservano gli autori dello studio. 

I regimi chemioterapici più antichi possono indebolire il muscolo cardiaco e alcune terapie mirate più recenti possono condurre a insufficienza cardiaca. Le radiazioni possono causare disturbi della frequenza cardiaca o danni alle arterie e alle valvole cardiache.


Fonte: Eur Hearth J

IT-NON-01325-W-12/2021

 

Le ultime notizie

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Otturazioni: qualità assistenziale predice fallimento precoce?

Uno studio, di natura prospettica, ha dimostrato che la qualità assistenziale valutata dallo staff o dal personale infermieristico dentale in ambulatorio predice il rischio di sostituzione delle otturazioni dentali effettuate per via di una diagnosi di carie nell’arco di 3 anni.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Ridurre la pressione giova alla cognizione: altre evidenze

La riduzione della pressione è connessa ad una significativa riduzione del rischio di demenza e deficit cognitivi, come emerge dalla più recente ed ampia analisi in materia. Una possibile spiegazione consiste nel fatto che la demenza è un processo multi-dominio che può impiegare anni a svilupparsi.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv rimodella linfociti T endometriali

Il tratto riproduttivo femminile rappresenta il più comune sito di infezione durante la trasmissione dell’Hiv alle donne, ma il rimodellamento virale complica la caratterizzazione delle cellule colpite dall’infezione. Il rimodellamento delle cellule genitali da parte dell’Hiv comprende l’inibizione delle componenti del complesso TCR e la modulazione dell’espressione dei recettori delle chemochine atta a promuovere la disseminazione delle cellule infette ai follicoli linfoidi.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Depressione: efficace yoga basato sul movimento

Lo yoga basato sul movimento sembra alleviare i sintomi depressivi in un’ampia gamma di disturbi mentali, come suggerito dalla revisione con meta-analisi di 19 studi.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Idrosadenite suppurativa: patogenesi e qualità della vita

L’idrosadenite suppurativa (HS) è una patologia infiammatoria cronica della cute che danneggia gravemente la qualità della vita del paziente. La variazione fenotipica rende difficoltose sia la diagnosi che la valutazione della gravità. L’ecografia rappresenta uno strumento diagnostico emergente per le lesioni profonde

By Popular Science