cookies

02-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Sopravvissuti a un cancro a maggior rischio di decesso per cardiopatia

(Reuters Health) – Uno studio statunitense indica che molti pazienti e sopravvissuti a un cancro muoiono per cardiopatia piuttosto che per i loro tumori, specialmente se sono maligni come tumore al seno e alla prostata.

I ricercatori del Penn State College of Medicine di Hershey  - guidati da Kathleen Sturgeon -  hanno esaminato dati su oltre 3,2 milioni di pazienti oncologici che hanno ricevuto la loro diagnosi tra il 1973 e il 2012. Durante il periodo di studio, il 38% di questi pazienti è deceduto per cancro e l’11% per una malattia cardiovascolare. Tre persone su quattro con una causa di decesso cardiovascolare sono morte per cardiopatia.

Il rischio di morire per malattie cardiovascolari era al massimo livello nel primo anno dopo la diagnosi di cancro e tra i pazienti che avevano scoperto di avere un tumore prima dei 35 anni.

"Questi risultati mostrano che un’ampia percentuale di certi pazienti oncologici morirà per malattie cardiovascolari, tra cui cardiopatie, ictus, aneurisma, ipertensione e danni ai vasi sanguigni”, commenta Kathleen Sturgeon, autrice principale dello studio. "Abbiamo anche scoperto che nei sopravvissuti a qualsiasi tipo di cancro diagnosticati prima dei 55 anni d’età, il rischio di decesso cardiovascolare era più di 10 volte superiore che nella popolazione generale”.

Le fatalità per malattie cardiovascolari comprendevano decessi legati a cardiopatie, ipertensione, malattie cerebrovascolari, arterie ostruite e danni ai vasi sanguigni più piccoli.

L’analisi ha esaminato 28 tipi di cancro e ha riscontrato che la maggior parte dei decessi per malattie cardiovascolari è avvenuta nei casi di malignità comuni come tumori del seno e della prostata, entrambi, esempi di neoplasie con una buona prognosi per la sopravvivenza a lungo termine.

I pazienti con i tumori più aggressivi e difficili da trattare – tra cui malignità di polmone, fegato, cervello, stomaco, cistifellea, pancreas, esofago e ovaie – avevano invece più probabilità di morire per i loro tumori che per cause cardiovascolari.

“Gli effetti collaterali dei trattamenti oncologici possono rendere i sopravvissuti più vulnerabili a problemi cardiaci, soprattutto nel primo anno o due anni dopo la diagnosi di cancro”, osservano gli autori dello studio. 

I regimi chemioterapici più antichi possono indebolire il muscolo cardiaco e alcune terapie mirate più recenti possono condurre a insufficienza cardiaca. Le radiazioni possono causare disturbi della frequenza cardiaca o danni alle arterie e alle valvole cardiache.


Fonte: Eur Hearth J

IT-NON-01325-W-12/2021

 

Le ultime notizie

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Apnee notturne. Donne sottovalutate e sottotrattate

Le donne che soffrono di apnee ostruttive del sono rischiano di essere sottodiagnosticate e, conseguentemente, non trattate in modo adeguato. Tutto dipende dalle linee guida che si prendono in considerazione.

By Reuters Health News

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Alzheimer. Funzionano gli ultrasuoni focalizzati a bassa intensità

Gli ultrasuoni focalizzati a bassa intensità, guidati tramite RMN, possono aprire con sicurezza la barriera ematoencefalica e, teoricamente, consentire l’erogazione mirata dei farmaci in pazienti con Malattia di Alzheimer

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Profili cutanei metilazione del DNA in pazienti con dermatite atopica

La predisposizione alla dermatite atopica viene creata da fattori sia genetici che ambientali, e la metilazione del DNA può costituire un fattore predisponente addizionale.

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia mieloide acuta: nuovo biomarcatore prognostico-terapeutico

Sono in aumento gli studi che mostrano una disregolazione dell’EZH2 mediata dalla relativa mutazione ed espressione in diversi tumori umani, fra cui la leucemia mieloide acuta.

By Popular Science

10-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Paralisi corde vocali: tempi ripresa connessi a sito danno neurale

Nei casi di paralisi delle corde vocali, più ampia è la distanza dalla corda vocale al sito danneggiato, maggiore sarà il tempo di recupero.

By Popular Science