cookies

02-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Diagnosi di disturbi mentali nell’adolescenza

(Reuters Health) – La diagnosi di disturbo mentale nell’adolescenza è legata a fattori come età di insorgenza e sesso. E ’quanto emerge da uno studio danese.

Lo studio – condotto dai ricercatori della Aartus University coordinati da Soren Dalsgaard - ha coinvolto quasi 100.000 ragazzi (41% di sesso femminile) con un disturbo mentale diagnosticato prima dei 18 anni. Il campione era rappresentativo di circa il 15% della popolazione generale.

Come riportato online il 20 novembre da JAMA Psychiatry, il disturbo d’ansia era la diagnosi più comune nelle femmine (7,85%), mentre l’ADHD era la più comune nei maschi (5,90%).

Le ragazze avevano un maggior rischio rispetto ai ragazzi di sviluppare schizofrenia (0,76% vs. 0,48%), disturbo ossessivo-compulsivo (OCD, 0,96% vs 0,63%) e disturbi dell’umore (2,54% vs. 1,10%).

“Tuttavia, esaminando i dettagli dell’occorrenza di OCD in diverse fasce d’età, abbiamo osservato che l’incidenza e il rischio erano molto simili per entrambi i sessi fino ai 10 anni, dopodiché il tasso di incidenza aumentava nelle femmine e raggiungeva il picco all’età di 16 anni”, osserva Soren Dalsgaard. “Nei maschi, il picco è stato raggiunto all’età di 13 anni e poi è rapidamente calato. Quindi, fino ai 10 anni il rischio era uguale tra i due sessi, ma a 18 anni era più elevato nelle femmine. Abbiamo scoperto che l’1,45% delle femmine e il 2,78% dei maschi aveva ricevuto diagnosi di un disturbo mentale prima dei sei anni d’età. Queste stime prima erano ignote”.

Fonte: JAMA Psychiatry 2019

 

Le ultime notizie

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Otturazioni: qualità assistenziale predice fallimento precoce?

Uno studio, di natura prospettica, ha dimostrato che la qualità assistenziale valutata dallo staff o dal personale infermieristico dentale in ambulatorio predice il rischio di sostituzione delle otturazioni dentali effettuate per via di una diagnosi di carie nell’arco di 3 anni.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Ridurre la pressione giova alla cognizione: altre evidenze

La riduzione della pressione è connessa ad una significativa riduzione del rischio di demenza e deficit cognitivi, come emerge dalla più recente ed ampia analisi in materia. Una possibile spiegazione consiste nel fatto che la demenza è un processo multi-dominio che può impiegare anni a svilupparsi.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv rimodella linfociti T endometriali

Il tratto riproduttivo femminile rappresenta il più comune sito di infezione durante la trasmissione dell’Hiv alle donne, ma il rimodellamento virale complica la caratterizzazione delle cellule colpite dall’infezione. Il rimodellamento delle cellule genitali da parte dell’Hiv comprende l’inibizione delle componenti del complesso TCR e la modulazione dell’espressione dei recettori delle chemochine atta a promuovere la disseminazione delle cellule infette ai follicoli linfoidi.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Depressione: efficace yoga basato sul movimento

Lo yoga basato sul movimento sembra alleviare i sintomi depressivi in un’ampia gamma di disturbi mentali, come suggerito dalla revisione con meta-analisi di 19 studi.

By Popular Science

01-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Idrosadenite suppurativa: patogenesi e qualità della vita

L’idrosadenite suppurativa (HS) è una patologia infiammatoria cronica della cute che danneggia gravemente la qualità della vita del paziente. La variazione fenotipica rende difficoltose sia la diagnosi che la valutazione della gravità. L’ecografia rappresenta uno strumento diagnostico emergente per le lesioni profonde

By Popular Science