cookies

03-12-2019

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Infezioni farmaco-resistenti e dispositivi medico-chirurgici

Le infezioni antibiotico-resistenti associate all’assistenza sanitaria (HAI) nei pazienti adulti si verificano con maggiori probabilità in associazione con l’uso di dispositivi medici che a seguito di interventi chirurgici, come emerge da uno studio basato sui dati del CDC statunitense.

I soggetti con infezioni ematogene associate a cateteri venosi centrali (CLABSI), infezioni urinarie associate a cateteri (CAUTI) ed infezioni associate alla ventilazione assistita (PVAP) vengono spesso ricoverati in unità ospedaliere per diversi giorni prima della comparsa dell’infezione e pertanto, i patogeni che contribuiscono a queste infezioni hanno maggiori probabilità di venire acquisiti durante il ricovero, quando il paziente è esposto agli antibiotici e sussiste una significativa pressione di trasmissione per organismi resistenti, come affermato dall’autrice Lindsay Weiner-Lastinger del CDC di Atlanta.

In alternativa le SSI vengono spesso causate da contaminazione batterica dalla flora cutanea endogena del paziente e pertanto, hanno meno probabilità di presentare resistenze agli antibiotici.

Il database NHSN rappresenta il più diffuso sistema di sorveglianza elettronica negli USA per tenere traccia delle informazioni sulle HAI nelle strutture sanitarie. Oltre ad aiutare gli esperti ad identificare i patogeni resistenti agli antibiotici emergenti, questi dati possono anche aiutare a guidare lo sviluppo di nuovi farmaci e di politiche atte a prevenire la diffusione di questi patogeni.

Nel complesso quanto riscontrato fornisce target per programmi di controllo degli antibiotici atti a ridurre queste HAI. E' necessario un supporto aggressivo da parte della sanità pubblica per ridurre la diffusione degli organismi resistenti negli ambienti sanitari, specialmente nei pazienti ad elevato grado di acuzie e con degenze più prolungate, come accade nelle ICU e nelle TACHS ospedaliere.

Le strutture comunque dovrebbero esaminare i dati locali su patogeni e farmaco-resistenze in relazione ai pazienti pediatrici allo scopo di guidare le iniziative atte a ridurre la trasmissione degli organismi resistenti. 

Fonte: Infect Control Hosp Epidemiol online 2019


IT-NON-01329-W-12/2021

 

Le ultime notizie

03-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Salute renale: dialogo difficile tra paziente e medico

Uno studio dell'Università di Sydney ha rilevato come i pazienti con patologie renali abbiano difficoltà, nel dialogo con il medico, a comprendere molti termini legati alla loro condizione. La comunicazione inefficace può provocare profondi traumi, disperazione e frustrazione.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: disfunzioni cognitive e gravità malattia

Le disfunzioni cognitive si associano a dermatite atopica grave e possono essere un importante endopoint da considerare nel monitorare la risposta ai trattamenti. A evidenziarlo è una ricerca pubblicata sul Journal of American Academy of Dermatology da un team di scienziati della George Washington University di Washington, negli USA.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Diabete tipo 2 e insufficienza cardiaca

I pazienti con diabete di tipo 2 incidente che sviluppano anche insufficienza cardiaca vanno incontro ad un rischio di mortalità drammaticamente elevato, maggiore rispetto al rischio incrementale derivante da qualunque altra comorbidità cardiovascolare o renale che possa intervenire dopo l’insorgenza del diabete. E' quanto emerge da un’analisi condotta su oltre 150.000 pazienti danesi.

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nuove definizioni di ipertensione rivelano nuovi rischi di preeclampsia

Con le linee guida del 2017, ACC ed AHA hanno modificato le definizioni di ipertensione negli adulti. Usando la nuova definizione di ipertensione, le donne in gravidanza con rialzi anche modesti della pressione presentano un incremento del rischio di preeclampsia

By Popular Science

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

I batteri dei tumori potrebbero influenzare la risposta alle terapie

Un gruppo di ricercatori israeliani ha analizzato il microbioma di sette tipi di tumore diversi, rilevando oltre 9.000 specie batteriche tra i tumori e il tessuto normale adiacente ad essi. Alcuni, come il cancro al seno, presentano una flora più abbondante e varia di altri, e questo potrebbe avere un impatto sulla risposta alle terapie

By Popular Science