cookies

07-01-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Infarto: nuovo modello di rischio predice mortalità a 6 mesi

Un nuovo modello di calcolo del rischio che include informazioni su deficit funzionali e fragilità si è dimostrato promettente nell’individuare il rischio di mortalità a 6 mesi nei pazienti anziani ricoverati per infarto miocardico acuto.

I ricercatori sperano che esso venga usato all’atto delle dimissioni da un ricovero per infarto negli anziani onde comprenderne davvero il rischio di mortalità, come affermato dall’autore Sawat Chaudhry della Yale University School of Medicine.

Con l’invecchiamento della popolazione, le associazioni professionali hanno dato sostegno alla previsione del rischio per l’assistenza ai pazienti infartuati, ma nessuno dei modelli di rischio sinora disponibili all’uso in questi pazienti è stato sviluppato o convalidato per i pazienti anziani.

Una delle mancanze di questi modelli consiste nell’aver trascurato i deficit funzionali, che nel modello proposto sono stati riassunti in una singola voce. Questo modello è stato convalidato su 3.006 soggetti.

I ricercatori in precedenza avevano usato lo stesso metodo per creare un modello di previsione del rischio in 8 voci per i nuovi ricoveri ospedalieri entro 30 giorni negli anziani infartuati, ed è stato riportato che il più forte fattore predittivo di questo esito erano i deficit della mobilità funzionale. 

Fonte: Ann Intern Med online 2019

IT-NON-01418-W-01/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science