cookies

22-01-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Ipertensione: nelle donne compare prima e progredisce più rapidamente

(Reuters Health) – Un nuovo studio longitudinale – condotto dal Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles - ha rilevato che le variazioni dal punto di vista vascolare, come l’aumento della pressione sanguigna, si sviluppano prima e progrediscono più rapidamente nelle donne rispetto agli uomini.

"I nostri dati sulle traiettorie della pressione indicano come le donne siano veramente diverse dagli uomini per quanto riguarda la salute dei vasi sanguigni e la loro risposta ad agenti stressanti nell’arco della vita”, afferma l’autrice principale dello studio, Susan Cheng.

Cheng e colleghi hanno analizzato i dati sulla pressione, raccolti in 43 anni, relativi a quasi 33.000 persone (il 54% di sesso femminile) con un’età compresa tra i 5 e i 98 anni, per un totale di 144.599 osservazioni. Le misure includevano pressione sistolica, pressione diastolica, pressione arteriosa media e pressione differenziale.

I risultati
Come riportato in JAMA Cardiology, è emerso che le donne presentavano un aumento più marcato della pressione sanguigna, che iniziava durante la terza decade e continuava per il resto della vita.

Dopo l’aggiustamento dei dati per fattori di rischio per malattie cardiovascolari, come colesterolo totale, diabete di tipo 2 e status di fumatore, i tassi di aumento in tutte le misurazioni della pressione sanguigna risultavano attenuati per entrambi i sessi, come previsto, quando confrontati con le traiettorie non aggiustate della pressione sanguigna. In ogni caso queste traiettorie sono rimaste più elevate nelle donne che negli uomini nel corso della vita.

Le tendenze sono risultate simili in analisi secondarie stratificate per etnia, coorte e uso di farmaci antipertensivi.Tuttavia ulteriori analisi hanno mostrato che l’incidenza di gravi eventi cardiovascolari di nuova insorgenza era più elevata negli uomini che nelle donne (29,7% vs. 20,5%).

"Dobbiamo tutti lavorare sul coinvolgimento di ogni paziente in merito all’importanza di essere consapevoli della propria pressione sanguigna, considerandola come una misura della salute cardiovascolare, e agendo appropriatamente appena vediamo che i livelli pressori iniziano ad aumentare”, osserva Cheng, "Soprattutto giovani e adulti di mezza età devono essere più consapevoli che l’ipertensione non è solo una patologia che colpisce in età avanzata; può insorgere da giovani e, quando questo accade, è particolarmente importante iniziare il trattamento”.

Fonte: JAMA Cardiology


IT-NON-01501-W-01/2022

 

Le ultime notizie

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori rettali: attesa vigile non compromette gli esiti

In uno studio condotto ad Amsterdam su 387 pazienti con tumori rettali bassi che vanno incontro a una risposta incompleta alla chemio-radioterapia, l'attesa vigile si è dimostrata ancora una volte una strategia efficace.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Trapianto di rene pediatrico: sopravvivenza in miglioramento

La sopravvivenza a seguito di un trapianto di rene durante l’infanzia o l’adolescenza è migliorata in modo sostanziale nell’ultimo decennio, come emerge da un’analisi dei dati del registro AZDATA

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lesioni muscolo-scheletriche, la colpa è anche del sonno

Gli adulti sani che dormono almeno otto ore a notte hanno meno probabilità di procurarsi lesioni comuni nel corso dell’attività fisica. E’ quanto emerge da uno studio condotto su un campione di militari USA e pubblicato da Sleep Health.

By Reuters Health News

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori gastrici: una patologia rara nel prossimo futuro

Si prevede che l’incidenza dei tumori gastrici cali sino ad arrivare a livelli rari in molte nazioni entro il 2035, mentre altre continueranno a sperimentarne tassi elevati. Questi dati si basano su un’indagine che ha preso in considerazione 92 registri di 34 nazioni.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica riduce rischio nefropatie

Le persone che fanno molta attività fisica possono avere meno probabilità di sviluppare nefropatie croniche rispetto alle loro controparti più sedentarie. E' quanto emerge da uno studio condotto su quasi 200.000 soggetti dall'Università di Hong Kong

By Popular Science