cookies

23-01-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Aldosteronismo primario può presentarsi come fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale può costituire un segno di presentazione dell’aldosteronismo primario nei pazienti con ipotensione. 

Lo suggerisce lo studio PAPHY, condotto su 411 pazienti da Gianpaolo Rossi dell’ospedale universitario di Padova, secondo cui i pazienti con ipertensione e fibrillazione atriale dovrebbero essere sottoposti a screening dell’aldosteronismo primario più precocemente possibile, in quanto una diagnosi precoce ed un trattamento mirato basato sulla chirurgia o su antagonisti recettoriali dei mineralcorticoidi (MRA) potrebbero indurre la regressione della fibrillazione atriale e prevenirne la recidiva.

Nel precedente studio PAPY, i pazienti con aldosteronismo di lunga data presentavano un rischio di fibrillazione atriale significativamente maggiore rispetto a quelli curati con adrenalectomia, ed anche altri studi hanno suggerito un maggiori rischio di fibrillazione atriale in questi pazienti.

La frequenza dell’aldosteronismo primario in questo gruppo di pazienti, in base al presente studio, è 7 volte maggiore rispetto a quello riportato dai medici di base, 4 volte maggiore di quello riscontrato nei pazienti indirizzati ai centri ipertensivi specializzati e 2.3 volte maggiore rispetto a quello dei pazienti con ipertensione farmaco-resistente.

I pazienti con aldosteronismo primario presentavano dilatazione atriale sinistra all’ecocardiografia, ma gli altri parametri ecocardiografici non differiscono significativamente da quelli dei pazienti con ipertensione primaria.

L’aldosteronismo primario dunque è molto più comune di quanto generalmente percepito, specialmente nei pazienti ipertesi con fibrillazione atriale. Esso spesso elude la diagnosi in quanto uno dei suoi segni caratteristici, ossia l’ipokaliemia, è oggi presente nella maggior parte dei pazienti. 

Fonte: J Hypertens online 2019

IT-NON-01505-W-01/2022

 

Le ultime notizie

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori rettali: attesa vigile non compromette gli esiti

In uno studio condotto ad Amsterdam su 387 pazienti con tumori rettali bassi che vanno incontro a una risposta incompleta alla chemio-radioterapia, l'attesa vigile si è dimostrata ancora una volte una strategia efficace.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Trapianto di rene pediatrico: sopravvivenza in miglioramento

La sopravvivenza a seguito di un trapianto di rene durante l’infanzia o l’adolescenza è migliorata in modo sostanziale nell’ultimo decennio, come emerge da un’analisi dei dati del registro AZDATA

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lesioni muscolo-scheletriche, la colpa è anche del sonno

Gli adulti sani che dormono almeno otto ore a notte hanno meno probabilità di procurarsi lesioni comuni nel corso dell’attività fisica. E’ quanto emerge da uno studio condotto su un campione di militari USA e pubblicato da Sleep Health.

By Reuters Health News

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori gastrici: una patologia rara nel prossimo futuro

Si prevede che l’incidenza dei tumori gastrici cali sino ad arrivare a livelli rari in molte nazioni entro il 2035, mentre altre continueranno a sperimentarne tassi elevati. Questi dati si basano su un’indagine che ha preso in considerazione 92 registri di 34 nazioni.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica riduce rischio nefropatie

Le persone che fanno molta attività fisica possono avere meno probabilità di sviluppare nefropatie croniche rispetto alle loro controparti più sedentarie. E' quanto emerge da uno studio condotto su quasi 200.000 soggetti dall'Università di Hong Kong

By Popular Science