cookies

23-01-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Melanomi tronco e arti: biopsia linfonodo sentinella per la prognosi

I metodi per l’identificazione delle metastasi linfonodali locali nei melanomi maligni comprendono la biopsia del linfonodo sentinella (SLNB) e la dissezione linfonodale (LND).

In particolare la SLNB è stata largamente impiegata negli ultimi anni. E’ stato condotto uno studio atto a confermare retrospettivamente l’adeguatezza degli attuali criteri di indicazione per la SLNB applicando tali criteri ad un gruppo non omogeneo di pazienti precedentemente sottoposti a SLNB e LND.

Sono stati presi in considerazione 77 pazienti, in cui l’indicazione alla SLNB è stata attribuita secondo i criteri correnti. 

Fra i 60 pazienti in cui questo esame risultava indicato, 35 sono sopravvissuti senza alcun segno di malattia per l’intero periodo di monitoraggio di 24 mesi, mentre 21 sono deceduti durante tale periodo, e 4 sono andati incontro a metastasi.

I 17 pazienti in cui la SLNB risultava non indicata, non sono andati incontro a recidive, né a metastasi. 

pazienti per cui la SLNB non era indicata non sono andati incontro a complicazioni, mentre in quelli in cui questo esame risulta indicato, la possibilità di metastasi o recidive potrebbe essere elevata anche se la SLNB risulta negativa o viene effettuata una LND, e quindi risulta di importanza cruciale un trattamento più aggressivo ed un monitoraggio attento. 

Fonte: Arch Plast Surg 2020

IT-NON-01507-W-01/2022

 

Le ultime notizie

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori rettali: attesa vigile non compromette gli esiti

In uno studio condotto ad Amsterdam su 387 pazienti con tumori rettali bassi che vanno incontro a una risposta incompleta alla chemio-radioterapia, l'attesa vigile si è dimostrata ancora una volte una strategia efficace.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Trapianto di rene pediatrico: sopravvivenza in miglioramento

La sopravvivenza a seguito di un trapianto di rene durante l’infanzia o l’adolescenza è migliorata in modo sostanziale nell’ultimo decennio, come emerge da un’analisi dei dati del registro AZDATA

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lesioni muscolo-scheletriche, la colpa è anche del sonno

Gli adulti sani che dormono almeno otto ore a notte hanno meno probabilità di procurarsi lesioni comuni nel corso dell’attività fisica. E’ quanto emerge da uno studio condotto su un campione di militari USA e pubblicato da Sleep Health.

By Reuters Health News

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori gastrici: una patologia rara nel prossimo futuro

Si prevede che l’incidenza dei tumori gastrici cali sino ad arrivare a livelli rari in molte nazioni entro il 2035, mentre altre continueranno a sperimentarne tassi elevati. Questi dati si basano su un’indagine che ha preso in considerazione 92 registri di 34 nazioni.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica riduce rischio nefropatie

Le persone che fanno molta attività fisica possono avere meno probabilità di sviluppare nefropatie croniche rispetto alle loro controparti più sedentarie. E' quanto emerge da uno studio condotto su quasi 200.000 soggetti dall'Università di Hong Kong

By Popular Science