cookies

23-01-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Assistenza post-natale per disturbi ipertensivi della gravidanza

E’ stato condotto uno studio allo scopo di esplorare i punti di vista e le esperienze cliniche relative all’assistenza post-natale per le donne che hanno manifestato disturbi ipertensivi della gravidanza (HDP), la consapevolezza delle principali indicazioni delle linee guida NICE per l’informazione della gestione post-natale, la misura in cui le linee guida NICE sono state implementate, barriere ed elementi facilitanti per l’implementazione ed il modo di migliorare l’assistenza allo scopo di supportare la salute futura delle donne.

Sono stati sottoposti ad interviste strutturate 20 medici con esperienza di assistenza post-natale a donne a seguito di HDP. Sono stati generati 4 temi principali: variabilità delle conoscenze e della pratica clinica, comunicazione ed educazione, provisione dell’assistenza e collocazione della responsabilità assistenziale.

Le barriere percepite per l’implementazione delle linee guida NICE, comprendevano mancanza di piani per l’assistenza post-natale, scarsa continuità assistenziale, gestione inadeguata dei farmaci antipertensivi, incertezze sulla responsabilità dell’assistenza post-natale e mancanza di consapevolezza dell’importanza del monitoraggio post-natale ai fini della salute futura da parte delle donne.

Alcuni medici pensano che le donne vengano dimesse troppo presto dall’ospedale, in quanto i medici di base non dispongono di conoscenze specialistiche per la gestione degli HDP.

La maggior parte dei medici riconosce la necessità di miglioramenti nel campo della pianificazione, della comunicazione e della coordinazione assistenziale fra i vari ambiti sanitari.

Sono dunque in accumulo evidenze delle conseguenze a lungo termine per la salute della donna a seguito di HDP, e le linee guida NICE hanno il potenziale di apportare esiti migliori per le pazienti se correttamente implementate.

I medici responsabili per l’assistenza post-natale a seguito di HDP dovrebbero assicurarsi di avere familiarità con le più rilevanti indicazioni NICE, dovrebbero essere in grado di implementare le raccomandazioni e coinvolgere le donne nelle decisioni riguardanti la prosecuzione dell’assistenza, sottolineando i motivi per cui essa è importante.

La costante bassa priorità e la scarsità di risorse riservate ai servizi post-natali continueranno a generare opportunità mancate per migliorare gli esiti per donne, neonati e famiglie. 

Fonte: BMJ Open online 2020

 

Le ultime notizie

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori rettali: attesa vigile non compromette gli esiti

In uno studio condotto ad Amsterdam su 387 pazienti con tumori rettali bassi che vanno incontro a una risposta incompleta alla chemio-radioterapia, l'attesa vigile si è dimostrata ancora una volte una strategia efficace.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Trapianto di rene pediatrico: sopravvivenza in miglioramento

La sopravvivenza a seguito di un trapianto di rene durante l’infanzia o l’adolescenza è migliorata in modo sostanziale nell’ultimo decennio, come emerge da un’analisi dei dati del registro AZDATA

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lesioni muscolo-scheletriche, la colpa è anche del sonno

Gli adulti sani che dormono almeno otto ore a notte hanno meno probabilità di procurarsi lesioni comuni nel corso dell’attività fisica. E’ quanto emerge da uno studio condotto su un campione di militari USA e pubblicato da Sleep Health.

By Reuters Health News

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori gastrici: una patologia rara nel prossimo futuro

Si prevede che l’incidenza dei tumori gastrici cali sino ad arrivare a livelli rari in molte nazioni entro il 2035, mentre altre continueranno a sperimentarne tassi elevati. Questi dati si basano su un’indagine che ha preso in considerazione 92 registri di 34 nazioni.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica riduce rischio nefropatie

Le persone che fanno molta attività fisica possono avere meno probabilità di sviluppare nefropatie croniche rispetto alle loro controparti più sedentarie. E' quanto emerge da uno studio condotto su quasi 200.000 soggetti dall'Università di Hong Kong

By Popular Science