cookies

24-01-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Disturbo bipolare: la terapia familiare ritarda le crisi

 (Reuters Health) – La terapia familiare può ritardare la comparsa di disturbi dell’umore nei giovani ad alto rischio di bipolarismo, come rivela uno studio randomizzato pubblicato da JAMA Psychiatry.

“Il disturbo bipolare è associato a problemi significativi nella vita quotidiana, ad esempio se un bambino finisce la scuola o no – ha detto David Miklowitz dell’Università della California di Los Angeles, autore principale dello studio – Sorprendere la malattia precocemente, insegnando ai bambini e alle famiglie come affrontare gli sbalzi d’umore e comunicando in modo più efficace, può contribuire, nel tempo, a un risultato migliore. Quello che facciamo con la terapia familiare è formare bambini, adolescenti e i loro genitori a riconoscere i primi segnali di allarme di un disturbo in arrivo e a intervenire per evitare che si verifichi un episodio completo, per esempio cambiando le loro medicine, adottando cicli di sonno-veglia più regolari, usando capacità comunicative per ridurre lo stress nei conflitti familiari”.

Lo studio
Lo studio clinico randomizzato multisito ha incluso giovani con disturbo depressivo maggiore o disturbo bipolare non specificato, sintomi dell’umore attivi e almeno un parente di primo o secondo grado con disturbo bipolare I o II.

Giovani e genitori sono stati assegnati in modo casuale alla terapia familiare (12 sessioni in quattro mesi di psico-educazione, formazione sulla comunicazione e formazione sulle capacità di risoluzione dei problemi) o cure potenziate (sei sessioni in quattro mesi di famiglia e psico-educazione individuale). La terapia farmacologica era consentita in entrambi i gruppi.

Come riportato da Jama Psychiatry, 127 giovani (età media, 13,2 anni; il 64,6% erano donne) sono stati seguiti ogni 4-6 mesi per una mediana di 98 settimane. Non sono state rilevate differenze tra i gruppi nel tempo al recupero da sintomi di pretrattamento.

I giovani ad alto rischio nel gruppo della terapia familiare hanno avuto intervalli più lunghi dal recupero all’emergenza del successivo disturbo (hazard ratio, 0,55) e dalla randomizzazione al successivo episodio (HR, 0,59) rispetto a quelli in terapia intensiva.

Sebbene la terapia familiare sia stata associata a intervalli più lunghi tra i disturbi depressivi (HR, 0,53), non differiva dalla cura avanzata a episodi maniacali o ipomaniaci, dalle conversioni al disturbo bipolare o dalle traiettorie dei sintomi.

Il team sta inoltre utilizzando la risonanza magnetica funzionale per vedere se la terapia familiare è associata a cambiamenti dell’attività cerebrale e se l’intervento è associato a riduzioni di pensieri e comportamenti suicidari nei bambini ad alto rischio di disturbo bipolare.

Fonte: JAMA Psychiatry

 

Le ultime notizie

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori rettali: attesa vigile non compromette gli esiti

In uno studio condotto ad Amsterdam su 387 pazienti con tumori rettali bassi che vanno incontro a una risposta incompleta alla chemio-radioterapia, l'attesa vigile si è dimostrata ancora una volte una strategia efficace.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Trapianto di rene pediatrico: sopravvivenza in miglioramento

La sopravvivenza a seguito di un trapianto di rene durante l’infanzia o l’adolescenza è migliorata in modo sostanziale nell’ultimo decennio, come emerge da un’analisi dei dati del registro AZDATA

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lesioni muscolo-scheletriche, la colpa è anche del sonno

Gli adulti sani che dormono almeno otto ore a notte hanno meno probabilità di procurarsi lesioni comuni nel corso dell’attività fisica. E’ quanto emerge da uno studio condotto su un campione di militari USA e pubblicato da Sleep Health.

By Reuters Health News

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori gastrici: una patologia rara nel prossimo futuro

Si prevede che l’incidenza dei tumori gastrici cali sino ad arrivare a livelli rari in molte nazioni entro il 2035, mentre altre continueranno a sperimentarne tassi elevati. Questi dati si basano su un’indagine che ha preso in considerazione 92 registri di 34 nazioni.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica riduce rischio nefropatie

Le persone che fanno molta attività fisica possono avere meno probabilità di sviluppare nefropatie croniche rispetto alle loro controparti più sedentarie. E' quanto emerge da uno studio condotto su quasi 200.000 soggetti dall'Università di Hong Kong

By Popular Science