cookies

12-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Trapianto di rene robotico: breve la curva d’apprendimento

I chirurghi devono portare a termine soltanto circa 40 di trapianti di rene robotizzati al fine di ottenere la riproducibilità in termini di performance ed esiti.

Il trapianto di rene robotizzato (RAKT) è sicuro e praticabile, con una curva di apprendimento di meno di 40 casi, come affermato da Andrea Gallioli dell’università autonoma di Barcellona, autore di uno studio condotto sui 5 centri europei di maggior volume della European Robotic Urologic Society (ERUS).

Allo scopo di ridurre le complicazioni che sono tipiche delle prime procedure su qualsiasi tipo di intervento, l’addestramento sul campo supervisionato è altamente raccomandato.

E’ stato dimostrato che il RAKT è praticabile quanto viene effettuato da chirurghi esperti sia nei trapianti di rene a cielo aperto che nella chirurgia robotica, ma rimane una procedura complessa.

Al momento essa non può essere considerata conveniente, ma i costi stanno diminuendo con l’incremento dell’impiego delle piattaforme robotiche.
Per quanto le singole fasi dell’intervento siano familiari per chi è avvezzo ai trapianti, effettuarlo nelle tempistiche ristrette dettate dall’ischemia renale è difficoltoso, e richiede un team che abbia familiarità sia con l’apparecchiatura robotica che con l’intervento canonico nel caso in cui non sia possibile portare a termine la procedura roboticamente.

Una potenziale limitazione di questi interventi dunque consiste nel fatto che attualmente essi debbano essere praticati in centri a volumi elevati con team altamente addestrati, e non sia generalizzabile a tutti gli ambiti sanitari.

Sono ancora necessari studi randomizzati e sia retrospettivi che prospettici per confermare la sicurezza ed efficacia a lungo termine del trapianto di rene robotizzato rispetto all’intervento tradizionale a cielo aperto. 

Fonte: Eur Urol online 2020

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Malattia di Crohn, aumenta l’obesità nei pazienti ricoverati

Negli ultimi 20 anni la percentuale di pazienti obesi, ospedalizzati con Malattia di Crohn, è fortemente aumentata, ma questo dato non ha inciso sulla mortalità. Tuttavia questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare sepsi e trombosi venosa profonda. L’obesità contribuisce all’infiammazione, ma, a oggi, gli studi relativi all’effetto dell’obesità sugli esiti della Malattia di Chron hanno fornito risultati contrastanti.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Radiografia efficace per l’identificazione dei tumori polmonari

La tecnologia principale usata per lo screening del cancro al polmone è la tomografia computerizzata a basso dosaggio. Questa tecnologia, però, espone il paziente a potenziali rischi legati alle radiazioni emesse. Da uno studio condotto in Corea emerge che la radiografia del torace può costituire una valida alternativa.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Effetto dell’integrazione della vitamina D sull’incidenza del diabete

E' stata condotta una meta-analisi della letteratura sull’integrazione della vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 2. Sono stati presi in considerazione 9 studi randomizzati. Il rischio relativo di diabete con la vitamina D rispetto al placebo era pari a 0,96.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epidemiologia del dolore lombare in bambini e adolescenti

Negli Usa è stato condotto uno studio per determinare la prevalenza del dolore lombare in bambini e adolescenti. Nel complesso il 33,7% dei partecipanti ha riportato di aver avuto episodi di dolore lombare nell’anno precedente, e l’8,5% ha riportato dolore lombare grave.

By Popular Science