cookies

13-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Chirurgia anti-incontinenza migliora funzionalità sessuale nelle donne

La chirurgia per l’incontinenza da stress è associata ad un significativo miglioramento della funzionalità sessuale femminile nell’arco di 24 mesi dopo l’intervento. Più di un quarto di tutte le donne adulte, presenta incontinenza urinaria, e le disfunzioni sessuali femminili aumentano in parallelo con la gravità dell’incontinenza urinaria da stress.

Tuttavia è rimasto sinora poco chiaro se la chirurgia anti-incontinenza migliorasse la funzionalità sessuale nelle donne. 

La risposta giunge da un’indagine condotta sui dati degli studi SISTEr e TOMUS, effettuata da Stephanie Glass Clark del Virginia Commonwealth University Health System di Richmond, che ha osservato significativi miglioramenti sia nella funzionalità sessuale complessiva che in patologie specifiche fra cui incontinenza ricorrente, prolasso e dolore.

Il fallimento post-operatorio è risultato associato ad una peggiore funzionalità sessuale, mentre i concomitanti interventi di riparazione dei prolassi sono significativamente associati ad una migliore funzionalità sessuale dopo la chirurgia.

Questi dati contribuiscono alla mole di letteratura in aumento sulla funzionalità sessuale post-operatoria a seguito di interventi anti-incontinenza comuni. Lo studio, insieme ad altri, suggerisce anche una possibile associazione fra incontinenza urinaria e disfunzioni sessuali. 

Fonte: Obstet Gynecol online 2020

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Malattia di Crohn, aumenta l’obesità nei pazienti ricoverati

Negli ultimi 20 anni la percentuale di pazienti obesi, ospedalizzati con Malattia di Crohn, è fortemente aumentata, ma questo dato non ha inciso sulla mortalità. Tuttavia questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare sepsi e trombosi venosa profonda. L’obesità contribuisce all’infiammazione, ma, a oggi, gli studi relativi all’effetto dell’obesità sugli esiti della Malattia di Chron hanno fornito risultati contrastanti.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Radiografia efficace per l’identificazione dei tumori polmonari

La tecnologia principale usata per lo screening del cancro al polmone è la tomografia computerizzata a basso dosaggio. Questa tecnologia, però, espone il paziente a potenziali rischi legati alle radiazioni emesse. Da uno studio condotto in Corea emerge che la radiografia del torace può costituire una valida alternativa.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Effetto dell’integrazione della vitamina D sull’incidenza del diabete

E' stata condotta una meta-analisi della letteratura sull’integrazione della vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 2. Sono stati presi in considerazione 9 studi randomizzati. Il rischio relativo di diabete con la vitamina D rispetto al placebo era pari a 0,96.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epidemiologia del dolore lombare in bambini e adolescenti

Negli Usa è stato condotto uno studio per determinare la prevalenza del dolore lombare in bambini e adolescenti. Nel complesso il 33,7% dei partecipanti ha riportato di aver avuto episodi di dolore lombare nell’anno precedente, e l’8,5% ha riportato dolore lombare grave.

By Popular Science