cookies

14-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Chirurgia bariatrica migliora la respirazione nei pazienti obesi

I soggetti obesi sottoposti a chirurgia bariatrica potrebbero trovare più facile respirare dopo l’intervento. Lo suggerisce uno studio condotto su 51 pazienti da Susan Copley dell’Imperial College Healthcare NHS Trust di Londra, secondo cui la perdita di peso che deriva dalla chirurgia bariatrica migliora l’aspetto dei polmoni e delle vie aeree alla TC, e corrisponde ad un miglioramento della dispnea e della funzionalità polmonare.

L’obesità potrebbe rendere difficile la respirazione, indebolendo i muscoli respiratori e costringendo il paziente ad un lavoro più duro per forzare l’ingresso e l’uscita dell’aria dai polmoni.

Al di là delle dimensioni ridotte, lo studio è limitato anche dal fatto che i ricercatori hanno controllato soltanto la TC di piccole porzioni del polmone per minimizzare l’esposizione alle radiazioni, il che significa che la reale portata delle anomalie delle vie aeree potrebbe essere stata sottostimata, ma i risultati comunque suggeriscono che il miglioramento della funzionalità respiratoria possa essere aggiunto ai benefici della chirurgia dimagrante.

Lo studio infatti ha dimostrato l’evidenza obiettiva dell’incremento del diametro della trachea e della riduzione dell’intrappolamento dell’aria con la perdita di peso conseguente alla chirurgia bariatrica, ed inoltre il miglioramento osservato nella dispnea è verosimilmente correlato a quello delle meccaniche respiratorie e dell’ostruzione all’efflusso. 

Fonte: Radiology online 2020

 

Le ultime notizie

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori rettali: attesa vigile non compromette gli esiti

In uno studio condotto ad Amsterdam su 387 pazienti con tumori rettali bassi che vanno incontro a una risposta incompleta alla chemio-radioterapia, l'attesa vigile si è dimostrata ancora una volte una strategia efficace.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Trapianto di rene pediatrico: sopravvivenza in miglioramento

La sopravvivenza a seguito di un trapianto di rene durante l’infanzia o l’adolescenza è migliorata in modo sostanziale nell’ultimo decennio, come emerge da un’analisi dei dati del registro AZDATA

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Lesioni muscolo-scheletriche, la colpa è anche del sonno

Gli adulti sani che dormono almeno otto ore a notte hanno meno probabilità di procurarsi lesioni comuni nel corso dell’attività fisica. E’ quanto emerge da uno studio condotto su un campione di militari USA e pubblicato da Sleep Health.

By Reuters Health News

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumori gastrici: una patologia rara nel prossimo futuro

Si prevede che l’incidenza dei tumori gastrici cali sino ad arrivare a livelli rari in molte nazioni entro il 2035, mentre altre continueranno a sperimentarne tassi elevati. Questi dati si basano su un’indagine che ha preso in considerazione 92 registri di 34 nazioni.

By Popular Science

24-02-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica riduce rischio nefropatie

Le persone che fanno molta attività fisica possono avere meno probabilità di sviluppare nefropatie croniche rispetto alle loro controparti più sedentarie. E' quanto emerge da uno studio condotto su quasi 200.000 soggetti dall'Università di Hong Kong

By Popular Science