cookies

22-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Reflusso pediatrico: esito a due anni della fundoplicatio laparoscopica

Molti studi sull’efficacia a breve termine della chirurgia laparoscopica antireflusso (LARS) hanno dimostrato risultati buoni o eccellenti in termini di controllo dei sintomi e di qualità della vita correlata alla salute, ma gli studi prospettici sull’efficacia a lungo termine di questi interventi scarseggiano, e indicano che l’efficacia del controllo dei sintomi potrebbe declinare nel tempo.

E’ stato dunque condotto uno studio atto a valutare gli esiti a 2 anni della LARS su sintomi da reflusso e qualità della vita.

Sono stati presi in considerazione 25 bambini con reflusso resistente alla terapia farmacologica.

A distanza di 2 anni dalla LARS, il 29% dei pazienti presentava sintomi da reflusso moderati-gravi, a fronte del 92% prima dell’intervento e del 12% a distanza di 2-3 mesi dall’intervento stesso.

Il significativo incremento della qualità della vita correlata alla salute osservato subito dopo la fundoplicatio non è stato confermato a distanza di 2 anni, ma  non è stato possibile verificare la  correlazione fra riduzione della qualità della vita e recidiva dei sintomi.

Per quanto l’efficacia della LARS tenda a deteriorarsi dopo 2 anni, la LARS rimane comunque efficace nel controllo dei sintomi da reflusso nella maggior parte dei pazienti, ma il miglioramento a breve termine della qualità della vita correlata alla salute dopo la LARS sembrerebbe essere transitorio. 

Fonte: Laparoendosc Adv Surg Tech A online 2020

 

Le ultime notizie

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Adolescenti e alcol: il colloquio motivazionale può ridurre il consumo

Tra i diversi interventi di carattere psicologico che possono essere messi in atto nei confronti di adolescenti con problemi di alcol, il colloquio motivazionale sembra essere il più efficace. È quanto emerge dalla metanalisi di 22 studi randomizzati sull’argomento.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Malattia di Crohn, aumenta l’obesità nei pazienti ricoverati

Negli ultimi 20 anni la percentuale di pazienti obesi, ospedalizzati con Malattia di Crohn, è fortemente aumentata, ma questo dato non ha inciso sulla mortalità. Tuttavia questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare sepsi e trombosi venosa profonda. L’obesità contribuisce all’infiammazione, ma, a oggi, gli studi relativi all’effetto dell’obesità sugli esiti della Malattia di Chron hanno fornito risultati contrastanti.

By Reuters Health News

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Radiografia efficace per l’identificazione dei tumori polmonari

La tecnologia principale usata per lo screening del cancro al polmone è la tomografia computerizzata a basso dosaggio. Questa tecnologia, però, espone il paziente a potenziali rischi legati alle radiazioni emesse. Da uno studio condotto in Corea emerge che la radiografia del torace può costituire una valida alternativa.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Effetto dell’integrazione della vitamina D sull’incidenza del diabete

E' stata condotta una meta-analisi della letteratura sull’integrazione della vitamina D nella prevenzione del diabete di tipo 2. Sono stati presi in considerazione 9 studi randomizzati. Il rischio relativo di diabete con la vitamina D rispetto al placebo era pari a 0,96.

By Popular Science

29-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Epidemiologia del dolore lombare in bambini e adolescenti

Negli Usa è stato condotto uno studio per determinare la prevalenza del dolore lombare in bambini e adolescenti. Nel complesso il 33,7% dei partecipanti ha riportato di aver avuto episodi di dolore lombare nell’anno precedente, e l’8,5% ha riportato dolore lombare grave.

By Popular Science