cookies

27-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

M.di Alzheimer: disturbi del sonno predicono rapido declino cognitivo

Un eccesso di disturbi del sonno risulta connesso a un incremento del declino cognitivo nei pazienti con Malattia di Alzheimer. Come affermato da Adrienne Atayde del St. Michael’s Hospital di Toronto, autrice di uno studio condotto sui dati relativi a più di 400 pazienti, i responsabili di questo collegamento sarebbero i cosiddetti comportamenti notturni (NTB), fra cui figurano risvegli frequenti durante la notte, alzarsi troppo presto al mattino e un numero eccessivo di sonnellini durante il giorno.

Non è stata riscontrata alcuna differenza fra soggetti con o senza NTB in termini di fattori di rischio di base di declino cognitivo, il che rivela il ruolo svolto dagli stessi NTB.

Dovrebbe esserci maggiore consapevolezza del fatto che il sonno abbia effetti sullo status cognitivo. La correlazione temporale fra disturbi del sonno, patologia dell’Alzheimer e deficit cognitivi correlati rimane controversa.

Il dibattito verte sulla possibilità che i disturbi del sonno siano sintomi della Malattie di Alzheimer o siano potenziali fattori nella progressione della malattia, e non è noto se il trattamento precoce dei disturbi del sonno possa rallentare lo sviluppo della patologia.

I comportamenti che sono comuni nella popolazione anziana, come i risvegli notturni, non vengono considerati comunemente NTB, ma sono talvolta talmente eccessivi da influenzare negativamente il personale assistenziale. 

Fonte: American Academy of Neurology (AAN) 2020 Annual Meeting

IT-NON-02318-W-05/2022

 

Le ultime notizie

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Traffico e rischio di asma e riniti nei bimbi in età prescolare

Uno studio cinese ha analizzato la prossimità del luogo di residenza a quattro strutture legate al traffico e la risposta dei bambini in età prescolare. I risultati indicano che la residenza vicino alle strutture legate al traffico è probabilmente un fattore di rischio per l'insorgenza di asma e rinite tra i bambini in età prescolare

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: tasso di incidenza, fattori predittivi ed esiti. Uno studio belga

Per studiare il tasso di incidenza, i predittori e i risultati dell'interruzione dell'assistenza per l'Hiv (Hci) in Belgio, un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati di pazienti adulti con almeno due cartelle cliniche riguardanti l'Hiv tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2016. L'incidenza del ritorno alle cure per l'Hiv dopo l'Hci è stata stimata al 77,5%.

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Coronaropatie stabili, PCI e chirurgia

La rivascolarizzazione diretta di routine è associata ad una riduzione degli infarti spontanei, ma comporta un incremento degli infarti intraoperatori. E' quanto emerge da una metanalisi di 14 studi condotta dalla New York University. Queste correlazioni andrebbero prese in considerazione per i processi decisionali e la gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica stabile.

By Popular Science

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Screening con MRI per le donne sopravvissute a un cancro pediatrico

Uno screening con una risonanza magnetica (MRI) a cadenza annuale, a partire dall’età di 25-30 anni, potrebbe ridurre i decessi per tumore al seno di almeno il 50% nelle donne sopravvissute a un cancro in età pediatrica. È quanto emerge da uno studio condotto dal Boston Children’s Hospital.

By Reuters Health News

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Asma e allergie dei genitori e dei bambini

Uno studio condotto su 685 soggetti tea genitori è figli ha messo in luce come, nella primissima infanzia, i tratti legati alle allergie e all’asma di una madre creino un rischio maggiore che un bambino sviluppi quelle stesse caratteristiche rispetto a quelli di un padre. A sei anni, tuttavia, il rischio diventa lo stesso.

By Popular Science