cookies

27-05-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Schizofrenia: “terapia Avatar” per le allucinazioni uditive

(Reuters Health) – La terapia Avatar, un nuovo tipo di trattamento relazionale basato sul digitale, può aiutare a controllare le allucinazioni uditive e i loro effetti negativi sulla salute mentale. È quanto emerge da una review condotta da un team di ricercatori inglesi.

“La terapia Avatar offre un nuovo approccio efficace alla sintomatologia delle allucinazioni uditive – dice Thomas Ward, del King’s College di Londra – Implica un uso innovativo della tecnologia digitale per consentire un dialogo “faccia a faccia” tra l’ascoltatore e una rappresentazione computerizzata della sua voce (l’avatar), con un focus terapeutico sull’aumento del potere e del controllo della voce”.

Ward e colleghi hanno presentato l’intera gamma di target terapeutici, nonché informazioni sull’accettabilità della terapia e sui potenziali effetti collaterali, nella loro revisione della terapia Avatar pubblicata da Schizophrenia Bulletin.

La terapia è stata principalmente studiata nelle persone con diagnosi di schizofrenia e psicosi correlate con allucinazioni uditive, resistenti alla terapia standard.
La terapia Avatar sembra essere meno indicata a chi riporta una fenomenologia vocale diffusa e non personificata, in cui le esperienze non possono essere rappresentate chiaramente da un singolo avatar.

Lo studio
I ricercatori hanno condotto sessioni di terapia che consistevano nell’esposizione all’avatar che esprimeva un contenuto testuale mentre il paziente era supportato a rispondere in modo assertivo.

Ciò ha favorito la desensibilizzazione del paziente impedendogli di mettere in atto comportamenti di sicurezza, componenti fondamentali per attenuare la risposta alla paura condizionata.

La terapia Avatar può essere indirizzata ad almeno dieci obiettivi terapeutici, tra cui potere e controllo, autostima e concetto di sé, identità e inclusione sociale, elaborazione del dolore.

L’accettabilità della terapia Avatar sembra essere elevata. “La tecnologia digitale ci consente di portare l’esperienza della persona ad ascoltare la voce in terapia in un modo completamente nuovo rispetto a qualsiasi cosa sia mai fatta prima – commenta Ward – Gli ascoltatori ci hanno detto quanto sia stato importante per loro per poter condividere le proprie esperienze con qualcuno, mentre con altre terapie hanno dovuto affrontare queste esperienze da soli”.

“È stato sorprendente vedere come le persone si siano impegnate nel dialogo con l’avatar, parlando con esso come se fosse una voce reale – continua l’esperto – Ciò ha fornito alle persone l’opportunità di riprendere il potere e il controllo delle allucinazioni uditive che li hanno criticate e minacciate per decenni. Molte persone hanno riportato un senso di liberazione dopo aver sentito la propria voce attraverso la terapia Avatar”.


Fonte: Schizophrenia Bulletin
 

Le ultime notizie

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Traffico e rischio di asma e riniti nei bimbi in età prescolare

Uno studio cinese ha analizzato la prossimità del luogo di residenza a quattro strutture legate al traffico e la risposta dei bambini in età prescolare. I risultati indicano che la residenza vicino alle strutture legate al traffico è probabilmente un fattore di rischio per l'insorgenza di asma e rinite tra i bambini in età prescolare

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: tasso di incidenza, fattori predittivi ed esiti. Uno studio belga

Per studiare il tasso di incidenza, i predittori e i risultati dell'interruzione dell'assistenza per l'Hiv (Hci) in Belgio, un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati di pazienti adulti con almeno due cartelle cliniche riguardanti l'Hiv tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2016. L'incidenza del ritorno alle cure per l'Hiv dopo l'Hci è stata stimata al 77,5%.

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Coronaropatie stabili, PCI e chirurgia

La rivascolarizzazione diretta di routine è associata ad una riduzione degli infarti spontanei, ma comporta un incremento degli infarti intraoperatori. E' quanto emerge da una metanalisi di 14 studi condotta dalla New York University. Queste correlazioni andrebbero prese in considerazione per i processi decisionali e la gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica stabile.

By Popular Science

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Screening con MRI per le donne sopravvissute a un cancro pediatrico

Uno screening con una risonanza magnetica (MRI) a cadenza annuale, a partire dall’età di 25-30 anni, potrebbe ridurre i decessi per tumore al seno di almeno il 50% nelle donne sopravvissute a un cancro in età pediatrica. È quanto emerge da uno studio condotto dal Boston Children’s Hospital.

By Reuters Health News

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Asma e allergie dei genitori e dei bambini

Uno studio condotto su 685 soggetti tea genitori è figli ha messo in luce come, nella primissima infanzia, i tratti legati alle allergie e all’asma di una madre creino un rischio maggiore che un bambino sviluppi quelle stesse caratteristiche rispetto a quelli di un padre. A sei anni, tuttavia, il rischio diventa lo stesso.

By Popular Science