cookies

25-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Fumo: genitori più motivati a smettere se lo chiede il bambino

(Reuters Health) – I pediatri riescono più facilmente a convincere i genitori dei loro pazienti a smettere di fumare se i messaggi che invitano a farlo sono “trasmessi” dai bambini e si focalizzano sui rischi per la salute come cancro o problemi respiratori. L’evidenza emerge da uno studio condotto dalla University of Pennsylvania.

I ricercatori hanno chiesto a 180 genitori fumatori che portavano i figli in visita presso il pediatra di libera scelta di partecipare a un esperimento che prevedeva la classificazione dell’importanza relativa a 26 diversi messaggi concepiti per convincerli a iniziare un trattamento per smettere di fumare. 

I messaggi variavano perché includevano bambini, genitori o famiglie, si focalizzavano su cosa potevano ottenere i fumatori dall’abbandono delle sigarette o su cosa potevano perdere continuando, ponendo particolare attenzione su aspetti come salute generale, cancro, malattie respiratorie, figli futuri fumatori o costi finanziari del fumo.

I genitori hanno passato in rassegna diverse varianti di questi messaggi che invitavano a smettere e hanno classificato le opzioni che consideravano “più significative” o “meno importanti”.

Nel complesso, i messaggi con protagonisti i bambini hanno avuto la maggiore risonanza, seguiti dai messaggi che avevano per protagoniste le famiglie. Ultimi si sono classificati i messaggi che avevano protagonisti i soli genitori.

"Probabilmente c’è qualcosa di diverso nel prendere decisioni per la salute della famiglia in quanto genitore, rispetto al prendere una decisione per sé stesso”, commenta autore principale dello studio, Brian Jenssen, assistente in pediatria presso la University of Pennsylvania Perelman School of Medicine e pediatra di libera scelta presso il Children’s Hospital di Philadelphia.

Il messaggio preferito dai genitori era: “Smettere di fumare migliorerà la salute del tuo bambino prevenendo malattie respiratorie come tosse, raffreddore e dispnea”.

I partecipanti hanno risposto anche più positivamente ai messaggi incentrati sugli esiti del fumo, come cancro o malattia respiratoria piuttosto che a quelli che si focalizzavano sull’impatto.

La maggior parte dei genitori che ha partecipato allo studio (66,4%) era di sesso femminile, aveva un’adeguata alfabetizzazione sulla salute (51,7%) e una dipendenza da nicotina da bassa a moderata (28,9%).

L’età mediana dei bambini era 5 anni e molti di loro (30,6%) presentavano asma nell’anamnesi.

Fonte: Pediatrics

IT-NON-02487-W-06/2022

 

Le ultime notizie

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Traffico e rischio di asma e riniti nei bimbi in età prescolare

Uno studio cinese ha analizzato la prossimità del luogo di residenza a quattro strutture legate al traffico e la risposta dei bambini in età prescolare. I risultati indicano che la residenza vicino alle strutture legate al traffico è probabilmente un fattore di rischio per l'insorgenza di asma e rinite tra i bambini in età prescolare

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: tasso di incidenza, fattori predittivi ed esiti. Uno studio belga

Per studiare il tasso di incidenza, i predittori e i risultati dell'interruzione dell'assistenza per l'Hiv (Hci) in Belgio, un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati di pazienti adulti con almeno due cartelle cliniche riguardanti l'Hiv tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2016. L'incidenza del ritorno alle cure per l'Hiv dopo l'Hci è stata stimata al 77,5%.

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Coronaropatie stabili, PCI e chirurgia

La rivascolarizzazione diretta di routine è associata ad una riduzione degli infarti spontanei, ma comporta un incremento degli infarti intraoperatori. E' quanto emerge da una metanalisi di 14 studi condotta dalla New York University. Queste correlazioni andrebbero prese in considerazione per i processi decisionali e la gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica stabile.

By Popular Science

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Screening con MRI per le donne sopravvissute a un cancro pediatrico

Uno screening con una risonanza magnetica (MRI) a cadenza annuale, a partire dall’età di 25-30 anni, potrebbe ridurre i decessi per tumore al seno di almeno il 50% nelle donne sopravvissute a un cancro in età pediatrica. È quanto emerge da uno studio condotto dal Boston Children’s Hospital.

By Reuters Health News

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Asma e allergie dei genitori e dei bambini

Uno studio condotto su 685 soggetti tea genitori è figli ha messo in luce come, nella primissima infanzia, i tratti legati alle allergie e all’asma di una madre creino un rischio maggiore che un bambino sviluppi quelle stesse caratteristiche rispetto a quelli di un padre. A sei anni, tuttavia, il rischio diventa lo stesso.

By Popular Science