cookies

26-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

SAVR dopo la TAVR gravata da rischi extra

I pazienti sottoposti a sostituzione valvolare aortica chirurgica (SAVR) a seguito di problemi con una precedente sostituzione aortica transcateterale (TAVR) vanno incontro ad esiti particolarmente negativi, come emerge da uno studio retrospettivo condotto su 123 pazienti da Oliver Jawtz della Duke University di Durham, secondo cui la SAVR dopo un fallimento precoce di una TAVR si pone come un intervento complesso e tecnicamente ostico con tempi operatori lunghi, una maggiore morbidità perioperatoria ed una mortalità operatoria maggiore del previsto.

Con la crescita della popolarità della TAVR, la gestione dei problemi del dispositivo diverrà sempre più importante, ma gli esiti dei reintervento successivo erano sinora ignoti.

Sono ora necessarie ulteriori ricerche per definire il ruolo della SAVR rispetto alla TAVR valvola-in-valvola e per rifinire le tecniche operatorie per l’espianto dei dispositivi TAVR non funzionali, in particolare alla luce del fatto che la popolazione di pazienti sottoposti a TAVR diviene sempre più giovane e sana e che il deterioramento strutturale della valvola diviene sempre più comune.

I pazienti giovani che optano per l’impianto di una valvola biologica per il trattamento di una grave stenosi aortica avranno probabilmente bisogno di più di una valvola nel corso della vita. Queste tecniche sono ben consolidate, ma richiedono due interventi a cielo aperto.

La possibile necessità di più di una valvola nel corso della vita ha portato alcuni a suggerire la strategia della TAVR per la sostituzione valvolare iniziale. Se e quando la prima valvola diviene insufficiente, il paziente rimane comunque un ragionevole candidato per una prima SAVR, e se questa SAVR diviene insufficiente quando il paziente è ormai molto più anziano, è possibile considerare una TAVR in SAVR.

Questa strategia comunque si basa sul presupposto che la prima SAVR dopo la TAVR non risulti più rischiosa rispetto ad una prima SAVR da sola, ma la realtà dietro questo assurto è ignota. 

Fonte: JACC Cardiovasc Interv online 2020

IT-NON-02491-W-06/2022

 

Le ultime notizie

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Traffico e rischio di asma e riniti nei bimbi in età prescolare

Uno studio cinese ha analizzato la prossimità del luogo di residenza a quattro strutture legate al traffico e la risposta dei bambini in età prescolare. I risultati indicano che la residenza vicino alle strutture legate al traffico è probabilmente un fattore di rischio per l'insorgenza di asma e rinite tra i bambini in età prescolare

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: tasso di incidenza, fattori predittivi ed esiti. Uno studio belga

Per studiare il tasso di incidenza, i predittori e i risultati dell'interruzione dell'assistenza per l'Hiv (Hci) in Belgio, un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati di pazienti adulti con almeno due cartelle cliniche riguardanti l'Hiv tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2016. L'incidenza del ritorno alle cure per l'Hiv dopo l'Hci è stata stimata al 77,5%.

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Coronaropatie stabili, PCI e chirurgia

La rivascolarizzazione diretta di routine è associata ad una riduzione degli infarti spontanei, ma comporta un incremento degli infarti intraoperatori. E' quanto emerge da una metanalisi di 14 studi condotta dalla New York University. Queste correlazioni andrebbero prese in considerazione per i processi decisionali e la gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica stabile.

By Popular Science

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Screening con MRI per le donne sopravvissute a un cancro pediatrico

Uno screening con una risonanza magnetica (MRI) a cadenza annuale, a partire dall’età di 25-30 anni, potrebbe ridurre i decessi per tumore al seno di almeno il 50% nelle donne sopravvissute a un cancro in età pediatrica. È quanto emerge da uno studio condotto dal Boston Children’s Hospital.

By Reuters Health News

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Asma e allergie dei genitori e dei bambini

Uno studio condotto su 685 soggetti tea genitori è figli ha messo in luce come, nella primissima infanzia, i tratti legati alle allergie e all’asma di una madre creino un rischio maggiore che un bambino sviluppi quelle stesse caratteristiche rispetto a quelli di un padre. A sei anni, tuttavia, il rischio diventa lo stesso.

By Popular Science