cookies

26-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Laparoscopia e chirurgia mini-invasiva in oncologia

Sono state evidenziate differenze fra diversi gruppi nel raffrontare studi su interventi oncologici addominali effettuati mediante approcci mini-invasivi o laparoscopici, e potenziali conflitti di interesse nel presentare o interpretare i risultati.

Considerando l’elevato volume di articoli scientifici che viene pubblicato, sussiste la necessità di prendere in esame la qualità della produzione scientifica che porta al processo decisionale clinico. A questo riguardo è importante tenere conto della scelta della via di accesso chirurgico.

Gli studi randomizzati controllati rappresentano lo standard per paragonare l’efficacia di questi interventi fra loro. Per quanto alcuni studi indichino vantaggi con l’accesso mini-invasivo, è necessaria cautela nell’interpretare questi reperti.

In ciascuno degli studi comparativi non sussiste alcuna osservazione dettagliata sulle reali limitazioni e sulle potenziali indicazioni delle procedure mini-invasive, come nel caso delle indicazioni per i casi selezionati e meno avanzati in cavità meno complesse, ne’ per quelli con caratteristiche elettive.

Diversi interventi oncologici addominali effettuati in laparotomia non sarebbero plausibilmente effettuabili in modo completo mediante un accesso mini-invasivo. Questi casi dovrebbero essere attentamente selezionati ed esclusi dai gruppi comparativi.

Il raffronto dovrebbe essere effettuato in modo bilanciato, con un gruppo che sarebbe potuto anche essere sottoposto ad un accesso mini-invasivo, tenendo conto degli errori statistici derivanti dall’inclusione dei casi di minore complessità che vengono inseriti nel gruppo mini-invasivo.

Non si tratta di una critica nei confronti della tecnologia mini-invasiva, ma di una forma di rispetto nei confronti della decisione clinica del chirurgo riguardo il metodo più conveniente, riconvalidando le vie laparotomiche tradizionali ben praticate che sono state ingiustamente criticate o degradate da diversi medici. 

Fonte: Rev Col Bras Cir 2020

IT-NON-02490-W-06/2022

 

Le ultime notizie

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Traffico e rischio di asma e riniti nei bimbi in età prescolare

Uno studio cinese ha analizzato la prossimità del luogo di residenza a quattro strutture legate al traffico e la risposta dei bambini in età prescolare. I risultati indicano che la residenza vicino alle strutture legate al traffico è probabilmente un fattore di rischio per l'insorgenza di asma e rinite tra i bambini in età prescolare

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: tasso di incidenza, fattori predittivi ed esiti. Uno studio belga

Per studiare il tasso di incidenza, i predittori e i risultati dell'interruzione dell'assistenza per l'Hiv (Hci) in Belgio, un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati di pazienti adulti con almeno due cartelle cliniche riguardanti l'Hiv tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2016. L'incidenza del ritorno alle cure per l'Hiv dopo l'Hci è stata stimata al 77,5%.

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Coronaropatie stabili, PCI e chirurgia

La rivascolarizzazione diretta di routine è associata ad una riduzione degli infarti spontanei, ma comporta un incremento degli infarti intraoperatori. E' quanto emerge da una metanalisi di 14 studi condotta dalla New York University. Queste correlazioni andrebbero prese in considerazione per i processi decisionali e la gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica stabile.

By Popular Science

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Screening con MRI per le donne sopravvissute a un cancro pediatrico

Uno screening con una risonanza magnetica (MRI) a cadenza annuale, a partire dall’età di 25-30 anni, potrebbe ridurre i decessi per tumore al seno di almeno il 50% nelle donne sopravvissute a un cancro in età pediatrica. È quanto emerge da uno studio condotto dal Boston Children’s Hospital.

By Reuters Health News

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Asma e allergie dei genitori e dei bambini

Uno studio condotto su 685 soggetti tea genitori è figli ha messo in luce come, nella primissima infanzia, i tratti legati alle allergie e all’asma di una madre creino un rischio maggiore che un bambino sviluppi quelle stesse caratteristiche rispetto a quelli di un padre. A sei anni, tuttavia, il rischio diventa lo stesso.

By Popular Science