cookies

Effetto anti-bruciore precordiale della farina di canna da zucchero

Il reflusso gastroesofageo interessa all’incirca il 20% della popolazione australiana. I pazienti soffrono di una sensazione urente nota come bruciore precordiale legata al movimento del contenuto acido dello stomaco all’interno dell’esofago.

Sussistono evidenze aneddotiche dell’efficacia della farina di canna da zucchero prebiotica nell’alleviare i sintomi nei pazienti con diagnosi clinica di reflusso gastroesofageo.

E’ stato dunque condotto uno studio pilota atto ad investigare l’efficacia di questa farina per questa applicazione.

Sono stati presi in considerazione 43 soggetti, a 22 dei quali è stata somministrata la farina prebiotica. Dopo 3 settimane di assunzione sono state riscontrate significative differenze nei sintomi di bruciore precordiale, rigurgito e punteggio sintomatologico totale.

I punteggi medi alla scala GERD-HRQL sono aumentati nel gruppo di controllo per quanto riguarda il rigurgito ed il punteggio sintomatologico totale, mentre sono state riscontrate significative riduzioni nel bruciore precordiale e nel punteggio sintomatologico totale nei pazienti trattati con la farina prebiotica.

Lo studio dunque ha rivelato significativi effetti positivi della farina di canna da zucchero nella riduzione dei sintomi da reflusso, ed è quindi necessario un più ampio studio randomizzato in materia. 

Fonte: Nutrients 2020

IT-NON-02494-W-06/2022

 

Le ultime notizie

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Traffico e rischio di asma e riniti nei bimbi in età prescolare

Uno studio cinese ha analizzato la prossimità del luogo di residenza a quattro strutture legate al traffico e la risposta dei bambini in età prescolare. I risultati indicano che la residenza vicino alle strutture legate al traffico è probabilmente un fattore di rischio per l'insorgenza di asma e rinite tra i bambini in età prescolare

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: tasso di incidenza, fattori predittivi ed esiti. Uno studio belga

Per studiare il tasso di incidenza, i predittori e i risultati dell'interruzione dell'assistenza per l'Hiv (Hci) in Belgio, un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati di pazienti adulti con almeno due cartelle cliniche riguardanti l'Hiv tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2016. L'incidenza del ritorno alle cure per l'Hiv dopo l'Hci è stata stimata al 77,5%.

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Coronaropatie stabili, PCI e chirurgia

La rivascolarizzazione diretta di routine è associata ad una riduzione degli infarti spontanei, ma comporta un incremento degli infarti intraoperatori. E' quanto emerge da una metanalisi di 14 studi condotta dalla New York University. Queste correlazioni andrebbero prese in considerazione per i processi decisionali e la gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica stabile.

By Popular Science

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Screening con MRI per le donne sopravvissute a un cancro pediatrico

Uno screening con una risonanza magnetica (MRI) a cadenza annuale, a partire dall’età di 25-30 anni, potrebbe ridurre i decessi per tumore al seno di almeno il 50% nelle donne sopravvissute a un cancro in età pediatrica. È quanto emerge da uno studio condotto dal Boston Children’s Hospital.

By Reuters Health News

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Asma e allergie dei genitori e dei bambini

Uno studio condotto su 685 soggetti tea genitori è figli ha messo in luce come, nella primissima infanzia, i tratti legati alle allergie e all’asma di una madre creino un rischio maggiore che un bambino sviluppi quelle stesse caratteristiche rispetto a quelli di un padre. A sei anni, tuttavia, il rischio diventa lo stesso.

By Popular Science