cookies

30-06-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Disfunzione endoteliale e marker biochimici nei pazienti IBD

La disfunzione endoteliale porta a un aumento delle molecole di adesione cellulare, a diapedesi di leucociti, a eccessiva permeabilità delle pareti vascolari e a una maggiore attività procoagulante.

Un gruppo di ricercatori ha studiato se i livelli sierici di numerosi marker di attivazione endoteliale e piastrinica fossero correlati all'attività della malattia nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale (Ibd).

Il lavoro ha incluso 56 pazienti con colite ulcerosa (Uc), 66 con Malattia di Crohn (Cd) e 40 controlli sani. È stato misurato il conteggio completo delle cellule del sangue, il fibrinogeno, la proteina C-reattiva, l'albumina, l'interleuchina-6, il fattore di necrosi tumorale α, la E-selectina, la P-selectina, la proteina chemoatattiva monocita 1 (Mcp-1), il ligando Cd40 solubile (sCd40l) e livelli di microparticelle (Mp).

Non sono state rilevate differenze significative nei livelli mediani di E-selectina, P-selectina, Mcp-1, sCd40l e Mp tra i pazienti con IBD attiva e inattiva e controlli sani.

L'attività clinica della malattia espressa dalla scala Mayo nel gruppo di colite ulcerosa è stata positivamente correlata debolmente con sCd40l (R = 0,32, P = 0,02), P-selectina (R = 0,32, P = 0,02) e marker infiammatori. L'indice di attività clinica della malattia nel gruppo Malattia di Crohn è stato correlato positivamente con i marker di infiammazione ma non con i marker di attività endoteliale.

In conclusione, i livelli di E-selectina, P-selectina, sCd40l, Mcp-1 e Mp non differiscono significativamente tra i pazienti con diverse attività di malattia infiammatoria intestinale. Tuttavia, a causa delle correlazioni osservate e di alcuni risultati vicini al limite statistico, gli autori ritengono che sarebbe necessario condurre studi su un gruppo più ampio di pazienti per verificare le osservazioni.

Fonte: Polish Archives of Internal Medicine

IT-NON-02502-W-06/2022

 

Le ultime notizie

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Traffico e rischio di asma e riniti nei bimbi in età prescolare

Uno studio cinese ha analizzato la prossimità del luogo di residenza a quattro strutture legate al traffico e la risposta dei bambini in età prescolare. I risultati indicano che la residenza vicino alle strutture legate al traffico è probabilmente un fattore di rischio per l'insorgenza di asma e rinite tra i bambini in età prescolare

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Hiv: tasso di incidenza, fattori predittivi ed esiti. Uno studio belga

Per studiare il tasso di incidenza, i predittori e i risultati dell'interruzione dell'assistenza per l'Hiv (Hci) in Belgio, un gruppo di ricercatori ha analizzato i dati di pazienti adulti con almeno due cartelle cliniche riguardanti l'Hiv tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2016. L'incidenza del ritorno alle cure per l'Hiv dopo l'Hci è stata stimata al 77,5%.

By Popular Science

10-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Coronaropatie stabili, PCI e chirurgia

La rivascolarizzazione diretta di routine è associata ad una riduzione degli infarti spontanei, ma comporta un incremento degli infarti intraoperatori. E' quanto emerge da una metanalisi di 14 studi condotta dalla New York University. Queste correlazioni andrebbero prese in considerazione per i processi decisionali e la gestione dei pazienti con cardiopatia ischemica stabile.

By Popular Science

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Screening con MRI per le donne sopravvissute a un cancro pediatrico

Uno screening con una risonanza magnetica (MRI) a cadenza annuale, a partire dall’età di 25-30 anni, potrebbe ridurre i decessi per tumore al seno di almeno il 50% nelle donne sopravvissute a un cancro in età pediatrica. È quanto emerge da uno studio condotto dal Boston Children’s Hospital.

By Reuters Health News

09-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Asma e allergie dei genitori e dei bambini

Uno studio condotto su 685 soggetti tea genitori è figli ha messo in luce come, nella primissima infanzia, i tratti legati alle allergie e all’asma di una madre creino un rischio maggiore che un bambino sviluppi quelle stesse caratteristiche rispetto a quelli di un padre. A sei anni, tuttavia, il rischio diventa lo stesso.

By Popular Science