cookies

01-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Interventi di oncodermatologia migliorano qualità di vita dei pazienti?

Poiché gli eventi avversi dermatologici secondari ai trattamenti antitumorali riducono la qualità della vita dei pazienti e possono sfociare nell’interruzione della terapia antitumorale, un gruppo di studio ha lanciato una survey trasversale per capire se un programma oncodermatologico di supporto completo migliora la qualità di vita dei pazienti.

Hanno risposto adulti affetti da cancro arruolati nella clinica di oncodermatologia di supporto della George Washington University. 

Tutti i pazienti avevano un'età superiore ai 18 anni e hanno ricevuto cure dermatologiche tra il 1 maggio 2017 e il 1 novembre 2019. Chi ha soddisfatto i criteri di inclusione è stato invitato a completare un sondaggio online con domande adattate dal Dermatology Life Quality Index e dal Patient Satisfaction Questionnaire.

Il tasso di completamento del sondaggio è stato dell'88,2% (30/34). 

Il punteggio Qol medio prima del trattamento era 6,5 (effetto moderato su Qol) e 3,8 (effetto piccolo) in seguito. Il punteggio medio di soddisfazione è stato di 4,15 (soddisfatto). L'impatto sull'aderenza al trattamento ha ottenuto il punteggio più basso (3,67, da neutro a soddisfatto).

Tra le limitazioni del lavoro gli autori hanno rilevato il recall bias.

L'iscrizione al programma è stata significativamente associata al miglioramento della qualità della vita. L'assistenza dermatologica ha anche portato a risultati complessivamente soddisfacenti per i pazienti, sebbene molti di loro non fossero sicuri che questi interventi dermatologici aiutassero nell'aderenza al trattamento antitumorale, evidenziando la necessità di strategie di gestione basate sull'evidenza per gli eventi avversi dermatologici.

Fonte: Journal of Drugs in Dermatology

IT-NON-02516-W-07/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science