cookies

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumore seno: identificati geni invecchiamento associati al cancro

Con l’avanzare dell’età, la probabilità di sviluppare un tumore aumenta. E ciò è correlato a diversi fattori: l’accumularsi di mutazioni, e l’invecchiamento del sistema immunitario, ad esempio. Ma non solo. Il lavoro di un gruppo di ricercatori dell’University of Texas Health Science Center suggerisce che diversi geni (una quarantina), la cui espressione è alterata durante l’invecchiamento, sono alterati anche in caso di tumore. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Breast Cancer Research.

“Nel nostro studio, abbiamo scoperto che l'espressione di un certo numero di geni era alterata durante l'invecchiamento nel tessuto del seno delle donne”, ha spiegato a Popular Science Lu-Zhe Sun, scienziato del Department of Cell Systems & Anatomy, School of Medicine che ha diretto lo studio.

“Si ritiene inoltre che i cambiamenti nell'architettura del tessuto mammario, nella composizione del tessuto e in alcuni tipi di cellule mammarie possano contribuire allo sviluppo del carcinoma mammario. Forse, ancora più importante, l'accumulo di mutazioni genetiche e l'instabilità/aberrazione cromosomica possono svolgere un ruolo importante nel causare il cancro al seno”.

Analizzando la trascrittomica dei tessuti mammari normali di 82 pazienti con cancro al seno e confrontandoli con i geni associati all’invecchiamento, ma non alla menopausa, i ricercatori hanno identificato un insieme di geni (38) la cui espressione aumenta o diminuisce nel tessuto mammario durante l'invecchiamento.

"Il nostro studio mostra che le alterazioni di questi geni associati all'età possono anche contribuire alla tumorigenesi mammaria”. Ha aggiunto Lu-Zhe Sun.

La ricerca potrà avere anche implicazioni cliniche: “questi livelli di espressione genica sono significativamente associati alla sopravvivenza del paziente e possono avere il potenziale per essere utilizzati per la prognosi”.

“Se riusciamo ad abrogare la loro espressione alterata durante l'invecchiamento, potremmo prevenire un aumento della tumorigenesi mammaria associata all’invecchiamento".

Fonte: Breast Cancer Research

IT-NON-02524-W-07/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science