cookies

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

I batteri dei tumori potrebbero influenzare la risposta alle terapie

Ogni tumore ha i suoi batteri, si sa. Ciò che non è chiaro è da dove provengano questi batteri e quale sia il loro ruolo nello sviluppo del tumore. 

Per scoprirlo, un gruppo di ricercatori di Israele ha intanto analizzato il microbioma di sette tipi di tumore diversi, rilevando oltre 9.000 specie batteriche tra i tumori e il tessuto normale adiacente ad essi. Alcuni, come il cancro al seno, presentano una flora più abbondante e varia di altri, e questo potrebbe avere un impatto sulla risposta alle terapie. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science.

Da oltre 100 anni si sa che anche all’interno dei tumori sono presenti dei batteri, ma il microbiota tumorale non è mai stato caratterizzato in modo dettagliato. Gli scienziati hanno analizzato campioni di 1.010 tumori provenienti da pazienti affetti da sette tipi di cancro diversi (seno, polmoni, ovaie, pancreas, cervello, ossa e pelle) e hanno confrontato i loro microorganismi con quelli presenti nei tessuti sani adiacenti (516 campioni).

Hanno così scoperto che ogni tumore è caratterizzato da specie batteriche diverse e che i microrganismi si trovano principalmente all’interno delle cellule cancerose e delle cellule immunitarie associate al tumore. In particolare, i tumori al seno analizzati presentavano un microbioma più ricco e diversificato rispetto a tutti gli altri tipi di tumore. In ogni campione di tumore al seno è stata rilevata una media di 16,4 specie batteriche, mentre la media era di meno di 9 in tutti gli altri tipi di tumore. 

La carica batterica e la diversità delle specie nelle cellule tumorali erano poi più elevate di quelle osservate nei tessuti normali adiacenti. I ricercatori hanno infine raccolto e analizzato campioni di tumore al seno “freschi”, provenienti direttamente dall’intervento chirurgico. In questo modo è stato possibile identificare 37 specie batteriche diverse, che appartengono principalmente a tre phyla: Proteobatteri, Firmicutes e Actinobacteria. I batteri presenti sono vivi e metaforicamente attivi.

I dati non dimostrano se i i batteri intratumorali svolgono un ruolo nello sviluppo del cancro, ma i ricercatori notano che man mano che i tumori si sviluppano, si crea un microambiente immunosoppresivo e avviene l’angiogenesi. Per cui “la vascolarizzazione disorganizzata può consentire ai batteri circolanti di entrare e l'ambiente immunosoppresso può fornire loro un rifugio”. 

I batteri intratumorali potrebbero anche derivare dai tessuti sani circostanti. Al di là del ruolo svolto dai batteri nella formazione del tumore, i ricercatori ipotizzano che, proprio come avviene nel caso del microbioma intestinale, la cui manipolazione può modificare la risposta alla terapia di blocco del checkpoint immunitario, “la manipolazione del microbioma tumorale può anche influenzare l'immunità del tumore e la risposta alle immunoterapie”. Quindi, concludono, “una migliore comprensione di questi effetti può spianare la strada a nuove opzioni terapeutiche per i malati di cancro”.

Fonte: Science

IT-NON-02525-W-07/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science