cookies

02-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: disfunzioni cognitive e gravità malattia

Le disfunzioni cognitive si associano a dermatite atopica grave e possono essere un importante endopoint da considerare nel monitorare la risposta ai trattamenti. A evidenziarlo è una ricerca pubblicata sul Journal of American Academy of Dermatology da un team di scienziati coordinato da Jonathan Silverberg, della George Washington University di Washington, negli USA.

La dermatite atopica è associata a prurito, dolore e alterazione del sonno, tutti problemi che possono contribuire all'insorgenza di disfunzioni cognitive. I ricercatori americani hanno determinato la relazione tra gravità della dermatite atopica e la funzionalità cognitiva negli adulti affetti dalla malattia cutanea, attraverso la somministrazione del questionario Patient-Reported Outcomes Measurement Information System (PROMIS) Cognitive Function in forma breve, a otto punti.

All'inizio dello studio, 118 pazienti, pari al 58,1%, hanno riportato uno o più sintomi di disfunzione cognitiva nelle precedenti quattro settimane, con 29, pari al 14,3%, con punteggi al PROMIS Cognitive Function 'lievi', 11, il 5,4%, con punteggi 'moderati', e 4, pari al 2%, con punteggi 'gravi'. 

I punteggi T del PROMIS Cognitive Function erano inversamente associati ai i test di gravità della AD patient-reported, POEM, NRS, SCORAD-sleep, POEM-sleep, EASI e SCORAD, con una riduzione della funzionalità cognitiva al peggioramento della gravità della dermatite atopica. A tutti i livelli di gravità della dermatite atopica, infine, la disfunzione a livello cognitivo era associata a un aumento dei punteggi DLQI e ItchyQOL.

Fonte: Journal of American Academy of Dermatology

IT-NON-02528-W-07/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science